Pensione anticipata lavori usuranti: come fare la domanda e quando scade

0

E’ ora possibile far domanda per la pensione anticipata data da lavori usuranti: scadenza, requisiti nel dettaglio e procedura

Pensione anticipata

L’Inps ha dato indicazioni per procedere alla domanda per la pensione anticipata causa lavori usurati, con la scadenza al 1° maggio del 2021.

La domanda potrà essere presentata anche dai lavoratori dipendenti del settore privato, i quali hanno svolto lavori pesanti, che raggiungono il diritto alla pensione di anzianità con il cumulo della contribuzione secondo le regole delle gestioni speciali (i dettagli sul sito dell’Inps: messaggio numero 1169 del 19 marzo 2021).

La domanda per la pensione anticipata si invia telematicamente all’Inps con modulo AP45 allegato, oltre la restante documentazione richiesta. Saranno successivamente fatti controlli sulla sussistenza dei requisiti, ma in caso di respinta, il lavoratore potrà fornire ulteriore documentazione oltre a quella precedentemente prodotta.

LEGGI ANCHE—> Bonus ISCRO, si arriva fino ad 800 euro: a chi spetta e come ottenerlo

Pensione anticipata, i requisiti per fare domanda

pensione Invalidità
pensione (Pixabay)

Le categorie che hanno diritto alla pensione anticipata, previo il rispetto di determinati limiti di età ed anzianità contributiva, sono le seguenti:

Lavoratori impegnati in gallerie, cave o miniere. Lavori in cassoni ad aria compressa, ad alte temperature, in spazi ristrette. Inclusi anche lavori di esportazione di amianto e quelli svolti da palombari. Conducenti di veicoli di servizio pubblico per trasporto collettivo. Lavoratori notturni con attività per almeno 3 ore nell’intervallo tra mezzanotte e le cinque del mattino o quelli a turno che lavorano per sei ore un numero minimo di giorni all’anno non al di sotto dei 64.

LEGGI ANCHE—> Pensione d’invalidità, forte aumento nell’importo: tutti i dettagli

Nel rispetto dei limiti di età ed anzianità contributiva, possono far richiesta:

  • Lavoratori dipendenti con età minima di 61 anni e 7 mesi, i quali hanno raggiunto quota pari a 97,6.
  • Lavoratori autonomi con età minima di 62 anni e 7 mesi, i quali hanno raggiunto quota pari a 98,6.

I lavoratori notturni per un numero di giorni compreso tra 64 e 71 all’anno:

  • Se lavoratori dipendenti con età minima di 63 anni e 7 mesi (quota 99,6).
  • Se lavoratori autonomi con età minima di 64 anni e 7 mesi (quota 100,6).

I lavoratori notturni per un numero di giorni lavorativi da 72 a 77 all’anno:

  • Se lavoratori dipendenti con età minima di 62 anni e 7 mesi (quota 98,6)
  • Se lavoratori autonomi con età minima di 63 anni e 7 mesi (quota 99,6).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui