Catania, maxi rissa con appuntamento sui social: 13 denunciati

0

Operazione dei Carabinieri di Catania che denunciano ben 13 persone dopo una maxi rissa. I facinorosi, infatti, si organizzavano sui social per gli scontri.

Catania rissa
Una delle chat incriminate (via Carabinieri Catania)

Botte da orbi a Catania, dopo una maxi rissa organizzata sui social. Infatti i partecipanti erano addirittura armati e con loro portavano mazze, anche da baseball, e catene. Stando alla ricostruzione dei carabinieri, infatti, lo scontro sarebbe avvenuto lo scorso 29 marzo ad Aci Catena, nella provincia catanese. Inoltre la lite sarebbe scoppiata tra due ragazzini giovanissimi, uno di 16 anni e l’altro di 20 anni.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino Johnson & Johnson, rovinate 15 milioni di dosi: consegne a rischio

Lo scontro sarebbe nato dopo l’intrusione del 16enne in una chat di HouseParty, che avrebbe stizzito il ragazzo di 20 anni. Inoltre stando a quanto riportato dalle forze dell’ordine, i due avrebbero continuato a discutere sulla chat di Instagram. Ed è proprio sul social network del gruppo Facebook che i due avrebbero organizzato la maxi rissa. Andiamo quindi a vedere l’operazione dei carabinieri per fermare la violenza social.

Catania, i carabinieri rintracciano i responsabili della maxi rissa: l’operazione

Catania rissa
L’operazione delle forze dell’ordine nel catanese (Facebook)

La rissa a Catania sarebbe stata organizzata proprio su Instagram, con i due che si sono dati appuntamento in piazza Europa presentandosi ‘accompagnati’ da amici e parenti. L’età dei partecipanti allo scontro oscillava dai 13 ai 56 anni. Inoltre i partecipanti avevano con loro mazze da baseball ed altri armi bianche, pronti per picchiarsi selvaggiamente e lanciandosi anche qualche transenna. Ad oggi ben tredici persone sono state identificate e denunciate dalle forze dell’ordine, con l’accusa di rissa aggravata e danneggiamento.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, bozza dl: permesse deroghe in base a contagi e vaccini

Inoltre nello scontro una persona è rimasta gravemente ferita, riportando un trauma cranico. Al momento la persona ferita sarebbe ricoverata nell’ospedale Cannizzaro di Catania. A correre in aiuto dei carabinieri ci hanno pensato le telecamere della videosorveglianza presenti in zona. Inoltre non sono mancate le minacce di morte nei confronti del ventenne. Giunti sul posto, i carabinieri hanno anche sequestrato due mazze da baseball, uno sfollagente e una catena usate come armi durante lo scontro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui