Scuola, Bianchi: “Dopo Pasqua, riaperture anche in zona rossa”

0

Scuola, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha parlato ai microfoni di Sky TG24 degli obiettivi per le prossime settimane

scuola bianchi
Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi (screenshot)

Continua a far discutere il tema riapertura scuole. C’è chi è a favore di un ritorno tra i banchi già nelle prossime settimane, e chi invece predica calma ed è favorevole alla didattica a distanza. Sul tema è intervenuto il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, che si è concesso ai microfoni di Sky TG24 per fornire alcuni importanti aggiornamenti sulle volontà del Governo e su ciò che potrebbe succedere nel futuro prossimo.

In questi due giorni prima delle vacanze di Pasqua, le regioni in zona arancione hanno riaperto. Lo avevamo detto da tempo, lo sapevano tutti e non è un problema di oggi. L’idea è che la scuola non è l’ultima, ma la prima a riaprire” ha spiegato, aggiungendo: “È questo il segnale che volevamo dare ed è arrivato chiaro e limpido“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino AstraZeneca, nuovo allarme dalla Germania: l’Ema si consulta

Scuola, parla Bianchi: “Riaperture dopo Pasqua”

Covid Cts scuole
Previste riaperture anche in zona rossa dopo Pasqua (Getty Images)

Nel corso della lunga intervista ai microfoni di Sky TG24, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha fornito alcuni importanti aggiornamenti sulla situazione scuola.Dopo Pasqua le scuole riapriranno, lo abbiamo già fatto in questi giorni. Situazione in Francia? Dimostra che non è sempre meglio guardare fuori, all’estero” le sue parole, alle quali ha aggiunto:Uno dei problemi che dobbiamo affrontare è la mancanza di personale scolastico al Nord, mentre al Sud c’è un’eccedenza. Vogliamo trovare meccanismi permanenti nel tempo“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Liuzzi (M5s) a iNews24: “Rousseau, senza accordo meglio chiudere il rapporto”

Promozione per tutti vista l’emergenza Covid? Credo che per i ragazzi sia un diritto essere valutati dagli insegnanti. Non si tratta di un’ispezione, la valutazione è il modo per essere accompagnati e orientati” ha concluso Bianchi: “In Emilia Romagna abbiamo fatto scrutini ed esami anche col terremoto. Gli insegnanti sapranno fare le dovute valutazioni tenendo conto dell’emergenza pandemica“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui