Roma, sgomberato un terreno privato occupato abusivamente: “È una vittoria”

I cittadini hanno vinto a Roma, nella zona Prenestino – Tor Pignattaro, dove questa mattina la polizia ha sgomberato un gruppo di persone che si erano stanziate in un terreno privato.

0

I cittadini hanno vinto a Roma, nella zona Prenestino – Tor Pignattaro, dove questa mattina la polizia ha sgomberato un gruppo di persone che si erano stanziate in un terreno privato.

LEGGI ANCHE: Vaccini Covid in farmacia, Anelli (FNOMeO) a iNews24: “A rischio la sicurezza dei pazienti”

Tre settimane fa, l’associazione Impegno Civico, assistita dall’avvocato Emanuele Fierimonte, ha presentato un esposto alla Questura e alla Prefettura, in cui denunciava degrado e atti vandalici.

Sgombero zona Prenestino – Tor Pignattaro, Roma
Sgombero zona Prenestino – Tor Pignattaro, Roma

Il terreno era occupato da un gruppo di persone che si dedicavano ad attività di natura criminale. Minacce, molestie, aggressione ai danni dei commercianti”, spiega il legale Fieramonte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Coronavirus, bollettino 30 marzo: 16.017 contagi e 529 morti

Insieme all’associazione Impegno Civico, hanno raccolto 200 firme e depositato l’esposto: “Adesso ci sono gli operai che stanno portando via ciò che è stato lasciato sul posto”, continua.

Sgombero zona Prenestino – Tor Pignattaro, Roma
Sgombero zona Prenestino – Tor Pignattaro, Roma

“È una vittoria per i cittadini. Le loro voci sono state ascoltate in tempi brevi. Genitori e figli devo sentirsi liberi di uscire quando vogliono e già da tempo vivevano una situazione di mancata sicurezza. Il nostro scopo era intervenire per rispristinare uno stato di sicurezza in tutta la zona, che recentemente ha subito atti vandalici e criminalità, anche a danno dei commercianti come in questo caso. Un intervento così veloce e tempestivo è sicuramente da valorizzare”, conclude l’avvocato.
La zona Prenestino – Tor Pignattaro, come spiega Fierimonte, “è sempre stata molto particolare perché non c’erano abbastanza controlla da parte delle forze dell’ordine e della Questura. La situazione rischiava di esplodere”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui