Covid, scoperta nuova variante in Israele: contagiosità e efficacia vaccini

0

Secondo quanto riferisce il Jerusalem Post, in Israele sarebbe stata scoperta una nuova variante del Covid

covid variante israele
Covid, scoperta nuova variante in Israele (Getty Images)

Nell’ultimo periodo, ad alimentare il tasso di incidenza del Covid hanno contribuito in maniera notevole le varianti individuate. Ad oggi, la più pericolosa per contagiosità rimane senza dubbio quella inglese, seguita a ruota dalla brasiliana e dalla sudafricana. Poco fa, il Jerusalem Post ha annunciato che alcuni ricercatori hanno individuato una nuova variante.

Denominata P681, avrebbe già infettato almeno 100 persone in Israele. Dai primi accertamenti, comunque, pare che non sia particolarmente più contagiosa rispetto al ceppo originario del virus. Di conseguenza, il suo tasso di incisività è meno elevato rispetto alle altre varianti che si sono diffuse negli ultimi mesi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid, Figliuolo: “Allargare categorie? Facciamo poco nepotismo”

Variante Covid scoperta in Israele, tutti i dettagli

Vaccino Covid
Tutte le informazioni relative a tasso di contagiosità ed efficacia dei vaccini (Foto: Getty)

Una nuova variante Covid – denominata P681 – è stata individuata in Israele. A riferirlo è il Jerusalem Post, che parla di almeno 100 persone già infettate. Sembrerebbe comunque meno contagiosa rispetto alle altre forme del virus, e non si discosta troppo da quella originale. Dai primi accertamenti, inoltre, pare che almeno il vaccino Pfizer sia in grado di neutralizzare con efficacia questa nuova variante.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Immigrazione. Alfonsi (Open Arms) a iNews24: “Situazione difficile, a bordo 219 persone di cui 53 bambini”

L’annuncio arriva dal Coronavirus Knowledge and Information Center, ente che monitora l’andamento del virus in Israele. Il comunicato sottolinea come l’apertura dell’aeroporto abbia influenzato il recente aumento dei contagi e abbia permesso l’ingresso delle nuove varianti – come quella inglese, sudafricana e brasiliana – nel territorio. Nel corso delle prossime settimane ci saranno nuovi accertamenti, per conoscere nel dettaglio tutte le caratteristiche che compongono il ceppo P681 del Coronavirus.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui