Vaccino Covid, Johnson&Johnson in Italia a partire dal 16 aprile

0

Vaccino Covid, importante novità in Italia: il farmaco prodotto da Johnson&Johnson sarà disponibile dal 16 aprile

vaccino johnson&johnson italia
Vaccino Johnson & Johnson in Italia a partire dal 16 aprile (via Getty Images)

Svolta per ciò che riguarda la campagna vaccinale in Italia: il farmaco prodotto da Johnson&Johnson inizierà ad essere consegnato a partire dal prossimo 16 aprile. A renderlo noto il presidente del Consiglio regionale della Liguria Gianmarco Medusei, intervento a margine dell’inaugurazione del maxi hub vaccinale della Fiera di Genova.

Il commissario per l’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo mi ha rivelato che i vaccini di Johnson&Johnson saranno disponibili in Italia a partire dal 16 aprile prossimo” ha dichiarato, aggiungendo che: “Innegabile il fatto che ci siano ancora tante problematiche, ma è quantomai necessario accelerare con i vaccini per poter poi ripartire“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, a Londra zero decessi: non accadeva da 6 mesi

Vaccino Johnson&Johnson, come funziona ed efficacia

Vaccino Johnson&Johnson
Ecco tutto quello che c’è da sapere sul farmaco (Getty)

Dopo l’approvazione da parte dell’Aia, c’è anche la data di disponibilità in Italia: 16 aprile. Svolta per la campagna vaccinale anti Covid, con il farmaco prodotto da Johnson&Johnson che si andrà ad aggiungere a Pfizer, Moderna e AstraZeneca. Quali cambiamenti comporterà tutto questo? L’arrivo del siero Janssen potrebbe imprimere una forte accelerazione in questo senso, già a partire dalla seconda metà del mese di aprile. Per via delle sue caratteristiche, infatti, potrebbe essere particolarmente adatto alla somministrazione da parte dei medici di famiglia.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Vaccino Covid, Figliuolo: “Sanità privata? L’importante è ottenere numeri”

A differenza dei vaccini a mRNA come Pfizer e Moderna, questo utilizza un doppio filamento di DNA. Il che vuol dire, che il patogeno adenovirus 26 è stato inattivato. Da conservare tra i 2 e gli 8 gradi centigradi, può comportare effetti collaterali quali febbre, dolori muscolari e al sito dell’iniezione. Efficace all’85% nel prevenire le forme gravi di malattia, è un farmaco ben tollerato e ha dimostrato una riduzione del 67% della malattia sintomatica da Coronavirus.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui