Covid, Sileri: “Siamo arrivati all’ultimo sforzo, abbiamo un vantaggio”

0

Intervenuto a Domenica In, il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha parlato dell’andamento del Covid in Italia

covid sileri
Covid, le parole del sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri (via Screenshot)

Stiamo registrando una situazione di lieve miglioramento se analizziamo i numeri. Ci sono i primi frutti degli sforzi compiuti, ma serviranno ancora due settimane per un primo bilancio” ha spiegato il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri a Domenica In: “Se i dati si consolideranno anche dopo Pasqua, saremo veramente all’ultimo sforzo“.

Rispetto a prima abbiamo un grande vantaggio: la vaccinazione. Chi si sottopone alla somministrazione oggi, tra un mese sarà immune. Abbiamo ancora 300-400 morti e questo è un dramma, ma a un mese da oggi non sarà più cosi” ha poi sottolineato Sileri: “Saremo come l’Inghilterra, tra la fine di aprile e l’inizio di maggio vivremo una situazione diversa e passeremo un’estate diversa rispetto allo scorso anno“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, Breton assicura: “Immunità di gregge in Europa? A metà luglio”

Covid, Sileri: “Vaccino Sputnik? De Luca non può acquistarlo autonomamente”

covid sileri
La risposta alla proposta del governatore campano Vincenzo De Luca (Facebook)

Nelle scorse ore, il governatore De Luca ha ipotizzato l’acquisto in autonomia del vaccino Sputnik V da somministrare ai cittadini della Campania. Sul tema è intervenuto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri a Domenica In. “Il mercato ha due regole ben precise: non si può né acquistare né distribuire un vaccino senza il via libera dell’Aifa” ha spiegato, aggiungendo che: “Si tratterebbe di un farmaco non validato. Inoltre, non possiamo muoverci in ordine sparso. Serve unita di intenti e un’azione congiunta“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Meteo, l’anticiclone africano sempre più vicino: aumentano le temperature

Capisco la sensibilità del governatore De Luca, ma il sistema di acquisto e distribuzione è centrale e collaudato. Necessario che ciò che entra nel nostro territorio sia validato dall’Aifa” ha poi concluso Sileri.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui