Rai 3, programma sospeso a due mesi dalla fine: decisione clamorosa

0

Rai 3, programma sospeso a due mesi dalla fine: è arrivata da decisione della rete, complici gli ascolti che non sono mai decollati

 

 

 

Doveva essere uno dei programmi di punta nell’approfondimento di Rai 3, da sempre attenta a questo genere. E invece ha chiuso in sordina ieri sera, 26 marzo, interrompendo molto prima della naturale conclusione della stagione. Chi aspettava una nuova puntata di Titolo V venerdì 2 aprile rimarrà deluso perché non ci sarà.

Il programma d’attualità di Rai 3 era partito il 23 ottobre scorso ma gli ascolti sono sempre stati modesti, anche perché la serata del venerdì è una delle più toste. Eppure per quello che hanno fatto capire i due conduttori, Roberto Vicaretti e Francesca Romana Elisei, la decisione dello stop è arrivata inattesa.

La Elisei ha spiegato che quella sarebbe stata la loro ultima puntata, nonostante il ciclo dovesse andare fino al prossimo 28 maggio. “Voglio ringraziare tutti quelli che hanno collaborato a questo programma. Gli autori, gli inviati, la redazione, la produzione, tutti quelli che lavorano in questo bellissimo studio, ringraziare il centro di produzione Rai di Napoli e ovviamente ringraziare anche voi che ci avete seguito di venerdì in venerdì”. Saliti e ringraziamenti condivisi da Vicaretti che come la collega ha dovuto accettare la decisione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Amadeus, contratto in scadenza con la Rai: svelato il suo futuro

Titolo V, ascolti in caduta libera: la decisione della rete non è arrivata inattesa

(Instagram)

Effettivamente anche i numeri dell’ultima puntata certificano la difficoltà di fare presa sul pubblico. Nella serata del 26 marzo il programma più visto è stato Canzone Segreta su Rai1 con 3.977.000 spettatori pari al 17.4% di share. Poi su Canale 5 la replica di Ciao Darwin 8 – Terre Desolate con 2.719.000 spettatori e uno share del 14.4%. Per Titolo V invece 488.000 spettatori con il 2.2%, meno anche del film Soldado su Rai 4 visto da 630.000 spettatori pari al 2.5%.

Eppure l’idea del direttore di Rai 3, Franco Di Mare, sembrava vincente. Titolo V, cioè quello che la Costituzione dedica alle regioni e alla loro autonomia, per parlare di quello che succede lontano dai palazzi romani, E quindi i due conduttori erano a Napoli (Francesca Romana Elisei) e Milano (Roberto Vicaretti). Ma la scelta non ha pagato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui