Napoli, 2 cadaveri in strada, nella notte confessa il rapinato: li ha investiti

0
Vittima di una rapina a Villaricca, nel Napoletano, questa notte si è presentato in caserma ed ha raccontato la sua versione dei fatti

Napoli, 2 cadaveri in strada, nella notte confessa il rapinato
Napoli, confessa la vittima della rapina finita male (via Getty Images)

A perdere la vita nella serata di ieri a Villaricca, nel Napoletano, sono stati Domenico Romano, di anni 39, e Ciro Chirollo, di anni 29. Entrambi pregiudicati di Sant’Antimo sono deceduti in seguito allo speronamento dell’uomo che avevano poco prima rapinato.

La scena trovata dai militari dell’arma sembrava essere già quella di una rapina finita male. Sul posto oltre ai due cadaveri sono stati ritrovati uno scooter T-Max, una pistola ed un Rolex. Poco distante dalla scena del crimine una Smart Forfour trovata in via Antica consolare campana contro un muro.

E’ stato Giuseppe Greco, vittima della rapina, a presentarsi nel corso della notte in caserma. L’uomo di anni 25 ha raccontato ai carabinieri la sua versione dei fatti.

POTREBBE INTERESSARTI QUESTO ARTICOLO>>> Milano, padre e figlio aggrediscono brutalmente un 30enne: arrestati

La vittima della rapina ha raccontato ai carabinieri la propria versione dei fatti

Napoli, 2 cadaveri in strada, nella notte confessa il rapinato
Napoli, confessa la vittima della rapina finita male (photo Pixabay)

Giuseppe Greco (anni 25) vittima della rapina, si è presentato nel corso della notte nella caserma dei carabinieri ed ha raccontato la sua versione dei fatti. Il ragazzo, figlio di un uomo con precedenti per traffico di droga, ha spiegato di essere stato rapinato dai due pregiudicati mentre era a bordo della sua auto.

I rapinatori sotto minaccia si sarebbero avvicinati con uno Scooter T-Max in via San Rocco impugnando una pistola per sottrargli il Rolex che aveva al polso. Il 25enne dopo la rapina li avrebbe speronati e travolti con la sua Smart Forfou.

VEDI ANCHE QUESTO>>> ‘Ndrangheta, maxi operazione della Polizia: 17 arresti a Gioia Tauro

Ad arrivare sul posto subito dopo l’incidente, gli agenti della polizia municipale seguiti dai carabinieri. Al vaglio le immagini di videosorveglianza trovate in zona ed appartenenti ad abitazioni private. A testimonianza del violento impatto tra lo scooter e l’auto, i pezzi dei telai ritrovati sulla strada. Resta da chiarire se il 25enne abbia investito volontariamente Domenico Romano e Ciro Chirollo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui