Covid, Adriano Galliani racconta il suo incubo: “Rivedo la luce”

0

Covid, Adriano Galliani racconta il suo incubo e i dieci giorni più lunghi della sua vita: “Adesso finalmente rivedo la luce”

Per giorni il suo nome in realtà è stato solo un numero, quello dei ricoverati in terapia intensiva che compaiono da un anno nel bollettino della Protezione Civile. Dieci lunghissimi giorni sospeso tra la certezza del contagio e l’incertezza delle cure, fino a quando Adriano Galliani non è stato dichiarato guarito.

(Getty Images)

Oggi che ha fatto rientro a casa, racconta il suo incubo al ‘Corriere della Sera’ e parla dei giorni più lunghi della sua vita. Ha seriamente temuto di morire, durante il ricovero al san Raffaele ha anche perso 10 chili. Dieci come i giorni in terapia intensiva, “i più lunghi della mia vita, è stato un incubo. Ho temuto di morire e ho compreso che nella vita la cosa più importante è la salute”.

L’amministratore delegato del Monza ripercorre la sua degenza e la descrive come un incubo. Il reparto di terapia intensiva non ha finestre e nemmeno un bagno interno. Ma soprattutto, per lui che soffre di claustrofobia, non riuscire mai a vedere la luce del sole è stato drammatico. però tutti il personale del San Raffaele ha fatto il massimo per farlo sentire a suo agio, così come con gli altri pazienti e per questo ringrazia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, bollettino 27 marzo: 23.839 contagiati e 380 decessi

Galliani, dall’incubo alla liberazione: per tutto il periodo del ricovero Berlusconi non l’ha abbandonato

Un’attesa che pareva infinita ma poi il 17 marzo è arrivata la liberazione: il tampone ha confermato che era diventato negativo ed è stato trasferito in reparto. Per lui che ha girato il mondo e dormito in hotel di lusso, anche la stanza di un ospedale è sembrata una suite: “Questo è il posto più bello della mia vita. Stavo ore a guardare il cielo e già questo mi riempiva il cuore”.

(Getty Images)

In tutto quel periodo, non gli è mancato l’appoggio di Silvio Berlusconi con il quale ha costruito pagine leggendarie al Milan. E adesso che è tornato nella sua casa milanese, apprezza ogni piccolo gesto quotidiano. Probabilmente gli servirà ancora un mese per rimettersi in forma, ma va bene così. E confessa che “non ho visto partite di calcio,  avevo l’angoscia che nel corso di un match potessero parlare dei decessi, della pandemia”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui