Covid, zona rossa per mezza Italia: quali regioni cambiano colore

0

La situazione Covid in Italia migliora lievemente, ma gran parte della nazione è ancora in zona rossa: ecco quali regioni cambieranno colore.

Covid zona rossa
Come cambia la colorazione delle regioni in Italia (Getty Images)

E’ atteso nelle prossime ore la bozza dell’Iss sul monitoraggio della situazione Covid-19 per la penisola, che rimarrà in gran parte in zona rossa. Ancora una volta la nuova mappa della penisola verrà scelta in base all’indice di contagio Rt, incidenza e ricoveri. Andiamo quindi a vedere come cambierà la situazione per i prossimi sette giorni.

POTREBBE INTERESSARTI >>>  Vaccino Pfizer, Draghi attacca Kurz: “Non avrà una dose in più”

Dai dati di questa settimana, sembrerebbe rimanere in zona rossa la Lombardia, a causa di una fase di stallo della pandemia. Mentre invece andrà in zona arancione il Lazio. Grande attesa invece per la collocazione della Campania, che sembrebbe ballare tra zona rossa ed arancione, con dati in miglioramento, ma non tanto da garantire la zona intermedia di restrizioni.

Restano in rosso, invece, anche Piemonte e Valle d’Aosta. Con numeri in miglioramento, chiedono la zona arancione sia la Toscana che il Veneto. I dati relativi ad una settimana fa fotografavano un quadro con l’indice Rt nazionale a 1.16, con i numeri delle terapie intensive sopra la soglia di criticità in ben 13 regioni.

Covid, ancora gran parte dell’Italia in zona rossa: la situazione

Covid zona Rossa
La situazione pandemica nella penisola (Foto: Getty Images)

Sono diverse le regioni che sperano nella promozione, su tutte troviamo Toscana, Veneto e Lazio. Infatti proprio quest’ultima regione rivendica un Rt al 0.99, con l’incidenza che è di 205 casi per ogni 100mila abitanti, mentre invece i tassi di occupazione restano di poco al di sopra la norma. Non ci sono dubbi invece per la collocazione di Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Riapertura scuole, Di Perri a iNews24: “Sì al ritorno in aula, ma solo in determinate condizioni”

Resta un’incognita la collocazione la collocazione della Campania, che nell’ultima settimana ha visto una riduzione del numero totale di casi di coronavirus del 14,6% rispetto alla settimana precedente, con un miglioramento di Rt, pari a 1,05. Restano però elevati i tassi di occupazione ospedaliera dei posti letto di terapia intensiva e area medica, che risultano rispettivamente del 29% e del 38%Vincenzo De Luca ha concesso le prime aperture, ma con molte probabilità prorogherà la zona rossa per questa settimana. Il governatore, nella diretta odierna, deciderà quindi la collocazione definitiva della Campania per la prossima settimana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui