Covid, in Messico oltre 200mila vittime: terzo Paese al mondo

0

Covid, in Messico oltre 200mila vittime: terzo Paese al mondo, dietro solo a Usa e Brasile. Secondo la stampa locale il bilancio potrebbe essere anche peggiore

Coronavirus Messico
Covid, in Messico oltre 200mila vittime: terzo Paese al mondo (foto: Getty)

Negli ultimi giorni il Messico ha raggiunto la spaventosa quota di 200mila morti a causa del Covid-19. Un dato estremamente preoccupante se abbinato alle difficoltà nella vaccinazione e nella tracciabilità del contagio. I media locali sostengono che molti casi (e vittime) non siano state segnalate, portando il totale dei decessi vicino ai 300mila. Il presidente Andrés Manuel López Obrador ha annunciato ulteriori sforzi in queste settimane per aumentare il numero di somministrazioni dei farmaci immunizzanti.

Il Messico si sta preparando alla campagna di vaccinazione con l’ausilio delle forze militari, per accelerare nella corsa contro il virus. Sono arrivate nei giorni scorsi 1,7 milioni di dosi di AstraZeneca, “prestate” dagli Stati Uniti, per incrementare le scarne forniture disponibili.

LEGGI ANCHE >>> Usa, piano ambizioso di Joe Biden: 200milioni di vaccini in 100 giorni

LEGGI ANCHE >>> Covid, bozza Ue: “Situazione resta grave, mantenere le restrizioni”

Covid, in Messico oltre 200mila vittime: il bilancio potrebbe essere anche peggiore

Vaccino Covid Messico
Covid, in Messico oltre 200mila vittime: terzo Paese al mondo (Foto: Getty)

I 200.211 decessi confermati del Messico per Covid-19 confermano anche nel Paese centro-americano una pesante terza ondata.

Il governo messicano ha smesso di pubblicare i dati sulle morti quotidiane alla fine del 2020. Ma le autorità di Città del Messico hanno pubblicato cifre sulle vittime fino al termine di febbraio, sottolineando come l’ultima ondata abbia portato al 46% di decessi in più rispetto alla prima fase pandemica dello scorso giugno.

La capitale è stata tra le città più colpite al mondo. Tra i 9 milioni di abitanti di Mexico City (escludendo tutte le periferie) i decessi sono stati 38.627, concentrando il 19,3% delle morti totali del paese.

Una media di circa 430 vittime ogni 100.000 abitanti. Anche a livello internazionale questi dati sono tra i più gravi registrati nell’ultimo anno. La grande densità di popolazione e le difficoltà nel mantenere il distanziamento sociale hanno completato un quadro che si sta dipingendo di tragico ogni settimana di più.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui