Milano, padre e figlio aggrediscono brutalmente un 30enne: arrestati 

0

Padre e figlio di 20 anni aggrediscono brutalmente un 30enne uscito con la ex del ragazzo. Operato d’urgenza, restano gravi le sue condizioni

Milano, padre e figlio aggrediscono brutalmente un 30enne
Milano, padre e figlio aggrediscono brutalmente un trentenne (Getty Images)

Un aggressione brutale ai danni di un giovane 30enne ha visto finire dietro le sbarre del carcere di San Vittore a Milano un uomo di 45 anni, pregiudicato, e suo figlio di anni 20.

I due sono stati accusati di tentato omicidio dopo aver aggredito in maniera brutale il 30enne, uno studente milanese, provocandogli la frattura della calotta cranica. Il ragazzo è stato operato d’urgenza, ma le sue condizioni restano ancora gravi.

L’aggressione sarebbe avvenuta all’una di notte in una casa privata in piazza Bruzzano a Milano dopo che il 20enne ha saputo attraverso i social che lo studente era uscito per una cena con la sua ex ragazza.

VEDI ANCHE QUESTO>>> ‘Ndrangheta, maxi operazione della Polizia: 17 arresti a Gioia Tauro

La ricostruzione dell’aggressione ai danni del 30enne

Milano, padre e figlio aggrediscono brutalmente un trentenne
Milano, padre e figlio aggrediscono brutalmente un trentenne (Foto: Getty)

L’aggressione sarebbe avvenuta in un appartamento di proprietà di un amico dei due disagiati. Il 20enne venuto a conoscenza dell’uscita della sua ex con il povero ragazzo, lo avrebbe raggiunto in questo appartamento sito in piazza Bruzzano a Milano.

Dopo una serie di minacce prima telefoniche e poi fuori casa, sarebbe stata proprio la vittima ad aprire la porta venendo colpito violentemente dai due aggressori. Dopo le violenze subite, il 30enne era andato a letto ma l’aumentare dei dolori nel corso della notte lo hanno costretto a recarsi in ospedale con il 118. Il ragazzo in seguito a dei primi esami che hanno portato alla luce un ematoma al cervello, è stato operato d’urgenza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Covid, cambio colori: Lazio e Veneto verso l’arancione, Lombardia rossa

Le indagini delle FFOO sono partite subito dopo l’arrivo del ragazzo in ospedale. Sono stati i medici ad allertare i carabinieri date le importanti percosse rinvenute sul corpo della vittima.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui