Cina, offensiva dei media contro H&M e altri marchi: “Boicottiamoli!”

0

In Cina, la TV statale Cctv ha invitato i cittadini a boicottare H&M e altri marchi occidentali. Ecco il motivo

cina h&m
Cina, offensiva della TV statale contro H&M (Getty Images)

Una vera e propria offensiva quella lanciata dalla TV statale della Cina Cctv nei confronti della nota catena di abbigliamento H&M. Dopo le sanzioni decise lunedì da Usa, Ue, Gran Bretagna e Canada contro i funzionari cinesi – accusati di violazione dei diritti umani nello Xinjiang –, anche Pechino si prepara ad un’escalation che prende di mira altri marchi di abbigliamento e calzature stranieri.

Nello specifico, si è parlato di grosse discriminazioni nei confronti degli uiguri e di altre minoranze musulmane.Per tutte quelle imprese che toccano la linea di fondo del nostro Paese, la risposta deve essere una soltanto: non comprare!” scrive la Cctv sui suoi social media principali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, bozza Ue: “Situazione resta grave, mantenere le restrizioni”

Cina, attacco ad H&M e altre catene internazionali

cina h&m
Presi di mira anche altri marchi internazionali di abbigliamento e calzature (Getty Images)

Un botta e risposta che non vuole fermarsi quello tra alcune catene internazionali di abbigliamento (e calzature) e la Cina. L’accusa è quella di violazione dei diritti umani da parte di quattro dirigenti della Repubblica Popolare, coinvolti nella detenzione di massa di uiguri e altre minoranze musulmane. Il tutto sarebbe avvenuto nello Xinjiang e nello Xinjiang Production and Costruction Corps Public Security Bureau. Dopo le sanzioni, sono arrivate le prime critiche da parte della TV statale cinese Cctv, che ha invitato al boicottaggio di H&M.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Ue, Biden partecipa al Consiglio: tra vaccini e relazioni transatlantiche

Presi di mira anche altri marchi occidentali come Adidas, Nike e New Balance, accusati dal Global Times di: “Affermazioni dure e insensate“. Nel mirino di Pechino ci sarebbero anche Burberry e Zara, tra gli altri. Solamente un anno fa, H&M ha annunciato che avrebbe fermato l’acquisto di cotone dallo Xinjiang proprio per questo motivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui