Covid, Draghi: “Abbiamo 4 vaccini sicuri. Riapertura scuole dopo Pasqua”

Le dichiarazioni del presidente del Consiglio, Mario Draghi, in aula al Senato in vista del Consiglio europeo del 25 e 26 marzo.

Covid-19, Draghi su AstraZeneca
Mario Draghi (@GettyImages)

“Abbiamo 4 vaccini sicuri e efficaci, ad aprile arriva anche Johnson&Johnson. L’obiettivo è vaccinare quante più persone possibile nel più breve tempo possibile: dobbiamo portare il ritmo a mezzo milione al giorno”. Esordisce così in aula al Senato il premier Mario Draghi parlando dell’emergenza Covid.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi, ha voluto trasmettere anche un messaggio di fiducia a tutti gli italiani continuando a parlare dei vaccini. “Il Governo è determinato a portare avanti la campagna vaccinale col massimo dell’intensità. E siamo già all’opera per compensare i ritardi di questi mesi. Dobbiamo farlo per la salute dei cittadini, per l’istruzione dei nostri figli, e per la ripresa dell’economia”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Trancassini (Fd’I) a iNews24: “Sostegni, non vedo discontinuità con Conte-bis. Amministrative, stiamo cercando il candidato migliore”

Covid, Draghi: “Abbiamo 4 vaccini sicuri. Riapertura scuole dopo Pasqua”

Governo Draghi
Mario Draghi (Foto: Getty)

“Mentre stiamo vaccinando è bene cominciare a pensare e pianificare le riaperture delle scuole”. Per il Premier Mario Draghi oltre ai vaccini bisogna pensare anche all’istruzione degli italiani. La pandemia ha messo in ginocchio il settore scolastico e si spera in una ripresa dopo Pasqua.

Potrebbe interessarti anche questo articolo >>> Fantinati (M5s) a iNews24: “Rousseau va ridefinito quanto prima. Conte sarà un passaggio fondamentale per il Movimento”

“Al momento stiamo guardando attentamente i dati sui contagi ma se la situazione epidemiologica permette cominceremo a riaprire la scuola in primis, almeno le primarie e l’infanzia, anche nelle zone rosse allo scadere delle attuali restrizioni o speriamo subito dopo Pasqua”. La speranza di Draghi e di tutti gli italiani e che si possa ritornare tra i banchi in totale sicurezza.