Zenga contro Cecchi Paone: durissimo scontro sui vaccini – VIDEO

0

Zenga contro Cecchi Paone: a ‘Live Non è la d’Urso’ durissimo scontro sul tema dei vaccini. L’ex calciatore a Dubai ha fatto quello cinese

(Screenshot Canale 5)

Vaccinarsi è un dovere, lo sostiene la maggioranza. Ma con quale vaccino proteggersi dal Covid 19 è un dibattito aperto e capace di scatenare anche liti furiose. Come quella che nelle ultime ore è andata in scena tra Alessandro Cecchi Paone e Walter Zenga, tra frasi irate e minacce di querela.

Entrambi erano ospiti a ‘Live – Non è la d’Urso’ e si sono trovati d’accordo sulla necessità di accelerare le vaccinazioni, ma non sul metodo. Zenga, che quando non allena vive con la sua nuova famiglia a Dubai, da poco è stato vaccinato con il Sinopharm, prodotto in Cina e mai ancora arrivato in Europa. Un vaccino che secondo il colosso farmaceutico di proprietà dello Stato cinese assicurerebbe una protezione vicina all’80%. Ma negli Emirati parlano di efficacia all’86%.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, Breton: “Immunità di gregge prevista per il 14 luglio”

Zenga-Cecchi Paone, che scontro sul vaccino della Sintopharm: “Se non taci, ti querelo”

Il problema è che in Europa non lo conosce nessuno e l’Unione Europea non lo ha mai autorizzato, come ha spiegato anche l’ex ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. “I cinesi non hanno fatto richiesta all’EMA per vendere il loro vaccino in Europa”. Zenga si è difeso dicendo che a Dubai ci sono quattro vaccini diversi e ognuno è libero di scegliere quello che vuole.

Ma proprio qui è nata la discussione con Cecchi Paone: “Ho scelto il Sinopharm perché è il più disponibile  e perché è fatto con un virus inattivato, come ad esempio il vaccino della poliomielite”. La mancata richiesta di approvazione all’EMA però fa nascere sospetti dei quali si è fatto portavoce il noto divulgatore che della scienza ha fatto la sua professione in tv.

Ha attaccato Zenga sulla eventuale pericolosità dei Sinopharm e l’ex interista gli ha detto di non dire stupidaggini. Non l’avesse mai fatto, però, perché i toni sono diventati caldissimi. “Io mi permetto perché tu parli ma non sei neanche mai uscito da Milano, non sei neanche mai uscito dalla Barona (noto quartiere di Milano , ndb)”, ha detto Zenga.

(Screenshot Canale 5)

“Ma sei scemo o vuoi che ti querelo? Non parlare di scienza e parla di pallone, ignorante buzzurro”, ha risposto Cecchi Paone ribadendo che l’ex calciatore non ha nessun titolo per parlare di vaccini. Pi è arrivata la pubblicità, saggiamente mandata da Barbarella, e gli animi si sono placati. Almeno fino al prossimo scontro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui