Ozpetek, quell’incidente che lo turbò profondamente: tutto distrutto

0

Il noto regista turco tempo fa ha vissuto un turbamento interiore causato da un incidente.

Oggi è il giorno dell’appuntamento settimanale con Mara Venier a Domenica In. Nella puntata di oggi, domenica 21 marzo, ci saranno come sempre tanti volti noti del mondo dello spettacolo e non. E tra questi in studio ci sarà il noto regista Ferzan Ozpetek, nato a Istanbul il 3 febbraio 1959 e trasferitosi a Roma nel 1976.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Stefano De Martino, scontro davanti a tutti: il pubblico rimane spiazzato

Dopo gli studi in Storia del Cinema, conseguiti alla Sapienza, Ferzan ha iniziato ad avvicinarsi al mondo del cinema collaborando come assistente e aiuto regista.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Fabrizio Corona, nuovo incredibile annuncio di Celentano: i fan apprezzano

Il suo debutto cinematografico avviene nel 1997 con il film Il bagno turco. Da lì il regista ha iniziato a girare tanti film di successo vincendo addirittura con Saturno Contro 4 Ciak d’oro, 5 Globi d’oro, 4 Nastri d’argento e un David di Donatello.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Disney+, annunciate le novità di aprile: tanti nuovi film e serie TV

Ozpetek, quell’incidente che lo turbò profondamente: tutto distrutto

Uno dei più grandi registi del secolo che nel 2018 ha vissuto un’esperienza che lo ha scosso. A Istanbul una nave da carico di 225 metri che attraversava lo stretto del Bosforo si è schiantò contro una villa ottomana di legno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Sharon Stone, clamorosa denuncia: “Me l’hanno chiesto davvero”

Il cargo nell’impatto urtò varie ville costruite da dignitari ottomani nel 19esimo secolo sulla sponda del Bosforo, chiamate “yali” in turco. Tra questi anche lo yali Hekimbasi Salih Efendi, un edificio in legno dipinto di rosso di tre piani che venne utilizzato per la scenografia dell’ultimo film del  regista turco Ferzan Ozpetek.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui