Celentano difende Fabrizio Corona: la lettera che commuove il web

0

Celentano difende Fabrizio Corona dopo l’ultima drammatica svolta nel suo caso giudiziario: una lettera aperta che ha commosso il web

Una lettera aperta, da padre a figlio anche se non sono nemmeno parenti. Ma anche Adriano Celentano, come molti, è rimasto colpita dal drammatico sviluppo della nuova incarcerazione di Fabrizio Corona. L’autolesionismo dell’imprenditore di origini catanesi, quelle foto che hanno fatto il giro del web che le ferite che si è prodotto, il ricovero nel reparto psichiatrico.

Fabrizio Corona continua con lo sciopero della fame e della sete
Fabrizio Corona (Facebook)

Troppo anche per lui che ha preso virtualmente carta e penna per scrivergli. Una lettera postata sul suo profilo Instagram, L’Inesistente, che sta diventando il suo nuovo megafono. Celentano è rimasto scosso soprattutto dalla scena della mamma di Corona, trasmessa a ‘Non è L’Arena’, che lo supplicava di stare calmo. Uno strazio, dolore vero e percepibile anche per chi stava a casa.

Adriano ammette di avere trattenuto a stento le lacrime e gli sono venute diverse riflessioni: “Sulla tua persona… tu hai fatto tante STRON*ATE nella vita… la più grossa e direi la più PERICOLOSA, è quella di aver indosso i GIUDICI a darti una punizione SPROPOSITATA. Con la scusa di sommare le tue colossali CA*ATE, cioè ogni ca*ata una funzione, ti hanno dato 14 anni di prigione”. Una vera ingiustizia, secondo lui, rispetto a come sono puniti in Italia certo delitti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da L’INESISTENTE (@celentanoinesistente)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fabrizio Corona, nuovo colpo di scena dal carcere: ultimo aggiornamento

Corina in carcere, Adriano Celentrano chiede alla politica di intervenire ripensando all’idea di giustizia

Nella sua lettera aperta, Adriano Celentano ricorca che ci sono assassini usciti di galera dopo 5 o 6 anni solo per buona condotta, mentre Corona è tornato per l’ennesima volta dentro. E allora serve che la politica per una volta faccia la sua parte, invece di fare affari con quegli stati “che fanno sparire le persone tagliandole a pezzi”, e intervenga sull’argomento giustizia.

Fabrizio Corona
Fabrizio Corona

“Caro Fabrizio! Il dolore di tua madre è grande – conclude nella sua lettera Celentano –  come grande sarà quello di tuo figlio. Un bellissimo ragazzo che si trova “nel bel mezzo” di una grande decisione…che dovrà necessariamente partire da te. Solo tu puoi aggiustare il sentiero, non solo della tua vita, ma quella di tutte quelle persone che aspettano un tuo segnale, comprese le migliaia di persone che ti seguono su Internet. Io ho un’idea!!!”.

Al momento Fabrizio Corona deve scontare un residuo di pena che dovrebbe terminare solo a settembre 2024. la sua colpa? Aver violato diverse prescrizioni imposte dal Tribunale di Milano che l’aveva messo ai domiciliari, utilizzando i social network e partecipando a programmi tv, con tanto di denunce per diffamazioni e minacce.

Il suo staff ha anche ha lanciato una petizione online dal titolo ‘Libertà per Fabrizio Corona’ che in pochi giorni è arrivata a circa 60mila  firme. Celentano ha parlato a nome personale, ma certamente il suo intervento scuote le coscienze.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui