America’s Cup, Luna Rossa appesa a un filo: New Zealand vince ancora

America’s Cup, Luna Rossa appesa a un filo: New Zealand vince ancora. Nella notte si è disputata una sola regata visto l’annullamento della seconda per mancanza di vento

America's Cup
America’s Cup, Luna Rossa appesa a un filo: New Zealand vince ancora (Foto: Getty)

La fortuna nelle ultime due notti sembra aver voltato le spalle a Luna Rossa e al Team Prada. L’imbarcazione italiana è stata sconfitta da New Zealand con un margine di 30″ sulla linea del traguardo. Un vero peccato visti i tanti colpi di scena e la splendida condotta di gara dell’equipaggio tricolore. Le condizioni del vento portano ad un leggero ritardo della partenza della nona regata e costringono gli organizzatori alla scelta del Campo C, quello più vicino alla costa. La bravura di James Spithill e Francesco Bruni si vede subito in avvio con una partenza perfetta e un discreto abbrivio guadagnato sugli avversari. Purtroppo però, come capitato anche ieri, azzeccare i primi lati della regata non basta e il ritorno di TNZ è davvero poderoso. Tra strambate sotto vento e velocità pura della barca, i neozelandesi riescono a riportarsi in testa prima dell’ultimo tratto di bolina. Luna Rossa era stata perfetta con condizioni di vento medio a 14 nodi, ma deve arrendersi proprio sul più bello e arrivare staccata di poco al gate conclusivo.

LEGGI ANCHE >>> Caso Diawara, respinto il ricorso della Roma: resta lo 0-3 contro il Verona

LEGGI ANCHE >>> America’s Cup, occasione sprecata per Luna Rossa: doppia sconfitta

America’s Cup, Luna Rossa appesa a un filo: New Zealand avanti 6-3

Luna Rossa Prada
America’s Cup, Luna Rossa appesa a un filo: New Zealand vince ancora (Foto: Getty)

Un’amarezza che fa il paio con quanto accaduto ieri, quando addirittura è stato vanificato un vantaggio di circa 4 minuti per un buco di vento. Condizioni mutevoli che hanno portato ad una lunga attesa per la decima regata, la seconda odierna, alla fine rinviata a domani per l’assenza delle condizioni necessarie nella finestra di tempo massimo. Il parziale recita quindi ora 6-3, con la barca italiana che poteva essere paradossalmente sul 5-4 con un pizzico di fortuna in più nelle ultime 24 ore. La bravura dei nostri timonieri si va a scontrare con la velocità di base superiore dello scafo kiwi e sulla conoscenza approfondita della Baia di Auckland, loro bacino di casa.

Adesso si torna in acqua nella notte tra martedì e mercoledì per tenere viva la competizione. A New Zealand manca solo un round per aggiudicarsi definitivamente la 36ima edizione della Coppa America.