America’s Cup, Luna Rossa appesa a un filo: New Zealand vince ancora

0

America’s Cup, Luna Rossa appesa a un filo: New Zealand vince ancora. Nella notte si è disputata una sola regata visto l’annullamento della seconda per mancanza di vento

America's Cup
America’s Cup, Luna Rossa appesa a un filo: New Zealand vince ancora (Foto: Getty)

La fortuna nelle ultime due notti sembra aver voltato le spalle a Luna Rossa e al Team Prada. L’imbarcazione italiana è stata sconfitta da New Zealand con un margine di 30″ sulla linea del traguardo. Un vero peccato visti i tanti colpi di scena e la splendida condotta di gara dell’equipaggio tricolore. Le condizioni del vento portano ad un leggero ritardo della partenza della nona regata e costringono gli organizzatori alla scelta del Campo C, quello più vicino alla costa. La bravura di James Spithill e Francesco Bruni si vede subito in avvio con una partenza perfetta e un discreto abbrivio guadagnato sugli avversari. Purtroppo però, come capitato anche ieri, azzeccare i primi lati della regata non basta e il ritorno di TNZ è davvero poderoso. Tra strambate sotto vento e velocità pura della barca, i neozelandesi riescono a riportarsi in testa prima dell’ultimo tratto di bolina. Luna Rossa era stata perfetta con condizioni di vento medio a 14 nodi, ma deve arrendersi proprio sul più bello e arrivare staccata di poco al gate conclusivo.

LEGGI ANCHE >>> Caso Diawara, respinto il ricorso della Roma: resta lo 0-3 contro il Verona

LEGGI ANCHE >>> America’s Cup, occasione sprecata per Luna Rossa: doppia sconfitta

America’s Cup, Luna Rossa appesa a un filo: New Zealand avanti 6-3

Luna Rossa Prada
America’s Cup, Luna Rossa appesa a un filo: New Zealand vince ancora (Foto: Getty)

Un’amarezza che fa il paio con quanto accaduto ieri, quando addirittura è stato vanificato un vantaggio di circa 4 minuti per un buco di vento. Condizioni mutevoli che hanno portato ad una lunga attesa per la decima regata, la seconda odierna, alla fine rinviata a domani per l’assenza delle condizioni necessarie nella finestra di tempo massimo. Il parziale recita quindi ora 6-3, con la barca italiana che poteva essere paradossalmente sul 5-4 con un pizzico di fortuna in più nelle ultime 24 ore. La bravura dei nostri timonieri si va a scontrare con la velocità di base superiore dello scafo kiwi e sulla conoscenza approfondita della Baia di Auckland, loro bacino di casa.

Adesso si torna in acqua nella notte tra martedì e mercoledì per tenere viva la competizione. A New Zealand manca solo un round per aggiudicarsi definitivamente la 36ima edizione della Coppa America.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui