Vaccino AstraZeneca sospeso in Germania: l’annuncio del ministero

0

Anche la Germania ha annunciato ufficialmente di aver sospeso la somministrazione del vaccino anti Covid di AstraZeneca

Vaccino AstraZeneca
La Germania ha sospeso la somministrazione del vaccino di AstraZeneca (Getty Images)

È arrivato poco fa l’annuncio da parte del ministero della Salute: la Germania ha sospeso la somministrazione del vaccino anti Covid prodotto da AstraZeneca. Una scelta precauzionale, in attesa che arrivino i risultati sui numerosi test che stanno venendo effettuati in questi giorni.

A seguito dei vari casi di trombosi registrati da persone sia in Germania che nel resto d’Europa dopo la vaccinazione, il governo ha deciso di seguire la raccomandazione dell’Istituto federale per i vaccini Paul Ehrlich (Pei).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, in Brasile continuano le proteste: in migliaia contro i lockdown

Vaccino AstraZeneca, Johnson: “Garantisco che è sicuro”

covid boris johnson
Il premier britannico Boris Johnson ha difeso il farmaco (Getty Images)

Intanto, sul tema vaccino AstraZeneca è intervenuto il premier britannico Boris Johnson. Rispondendo ad alcune domande dei media, il primo ministro ha assicurato che il farmaco è sicuro. “Ovvio che posso garantire. All’Mhra (il regolatore di farmaci britannico) abbiamo una delle autorità di regolazione tra le più dure ed esperte al mondo. Se loro non vedono ragioni per una discontinuità nel programma di vaccinazione, non ce la vedo nemmeno io” le sue parole, alle quali ha aggiunto: “Continuiamo ad essere molto fiduciosi sul nostro piano, ed è bellissimo vedere che si sta estendendo in maniera così rapida su tutto il Regno Unito“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Vaccino Sputnik V in Italia, arriva la risposta: può arrivare presto

Diverso il discorso per le varianti, a quanto pare. Secondo una ricerca portata avanti dall’Ema, solamente Pfizer, Moderna e Johnson&Johnson sarebbero efficaci. “Stando ad un piccolo studio su 2mila casi, il vaccino AstraZeneca non è efficace contro la variante sudafricana” ha spiegato il responsabile Marco Cavaleri, che però ha suggerito di attendere studi più ampi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui