Covid, Draghi all’hub di Fiumicino: “Sostegno alle famiglie, ne usciremo”

Questo pomeriggio, il premier Mario Draghi ha fatto visita all’hub per la vaccinazione anti Covid di Fiumicino. Le sue parole

covi Draghi
Covid, le parole del premier Mario Draghi (Foto: Getty)

Giornata importante quella vissuta dal neo premier Mario Draghi, per la prima volta in visita ad un sito vaccinale. Nel corso dell’intervento, ha affrontato varie tematiche legate all’emergenza Covid e all’attuale andamento della pandemia. “Si tratta della mia prima visita in un hub, è stata breve ma veramente bella” ha spiegato, aggiungendo: “I ragazzi che lavorano come volontari o in forma permanente hanno trasformato questo luogo medico in luogo di speranza. Entrando qui si capisce che ne usciremo“.

Abbiamo come obiettivo quello di triplicare il ritmo delle dosi giornaliere di vaccino. Speriamo in un’accelerata, anche a seguito dell’approvazione del vaccino Johnson&Johnson” ha continuato il premier. Affrontando poi il tema AstraZeneca, l’ex presidente della Bce ha spiegato che: “Bloccare i lotti è stata una decisione precauzionale“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino AstraZeneca, Oms: “Nessun motivo per non usarlo più”

Covid, Draghi: “Sostegno alle famiglie, ne usciremo”

Zona rossa Weekend
L’ex presidente della Bce in visita all’hub vaccinazioni di Fiumicino (Getty Images)

In visita all’hub vaccinazioni di Fiumicino, il premier Mario Draghi ha affrontato varie tematiche legate al Covid. Impossibile non parlare della nuova ondata di contagi che sta colpendo l’Italia. “Nell’ultima settimana, ci sono state più di 150mila infezioni e un incremento dei ricoverati di quasi 5mila persone. Sono numeri che impongono la massima cautela” ha sottolineato Draghi: “Le misure approvate sono necessarie er far sì che non ci siano peggioramenti. Accompagneremo il nostro sostegno a famiglie e imprese, così ne usciremo“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid, Iss: “L’Rt è salito ancora, epidemia in rapida espansione”

A tal proposito, nel decreto legge approvato oggi abbiamo deciso di garantire il lavoro agile a chi ha figli in didattica a distanza o in quarantena. Per chi invece svolge attività senza l’opzione smart working, verrà riconosciuto l’accesso ai congedi parentali o al contributo baby-sitting” ha concluso il presidente del Consiglio.