Cashback, l’analisi: “Dati sbalorditivi e ben oltre le aspettative!”

0

Secondo un’analisi portata avanti dalla Community Cashless Society, alcuni dati ottenuti dal Cashback sono sbalorditivi. Tutti i dettagli

cashback GOVERNO DRAGHI
Cashback, secondo un’analisi i dati sono più che soddisfacenti (Pixabay)

Continua a far discutere il Cashback di Stato. Iniziativa lanciata dalla precedente amministrazione ormai qualche mese fa, permette ai cittadini residenti in Italia di ricevere un rimborso parziale delle spese effettuate. A più riprese, si sta parlando di una possibile chiusura anticipata per via dei costi troppo esosi, di altre necessità e così via.

In realtà, almeno stando ai dati raccolti da una ricerca di Community Cashless Society, il Cashback sta centrando tutti gli obiettivi inizialmente prefissati. Anzi, alcuni dati sono ritenuti: “Sbalorditivi e ben oltre le aspettative“. Andiamo a vedere quali numeri sono emersi ad ormai 3 mesi dal lancio della prima fase ufficiale dell’iniziativa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Google Maps si aggiorna ancora: non è mai stato così completo

Cashback, i dati dopo i primi 3 mesi

Cashback
I numeri dopo i primi 3 mesi dall’inizio della prima fase (Pixabay)

La Community Cashless Society ne è sicura: il Cashback di Stato sta centrando a pieno gli obiettivi prefissati. Secondo l’analisi, il livello di soddisfazione tra gli italiani è altissimo, con il 90% dei giovani e il 77% dei residenti al Sud e nelle Isole che dichiara di aver incrementato di molto l’uso dei pagamenti elettronici. Il 39% degli intervistati ha poi aggiunto di aver speso più del solito, proprio grazie a questa iniziativa.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Netflix, brutta notizia per gli utenti: addio ad un’importante funzione

Numeri soddisfacenti anche per l’app IO, installata su 10.5 milioni di smartphone in Italia. La conseguenza di tutto questo è la creazione dello SPiD, di cui ormai dispongono oltre 18 milioni di persone: sono 12 in più rispetto al 2020. I benefici sono evidenti anche per i commercianti che – vista l’impossibilità di sfruttare il rimborso via web – stanno riscontrando un’affluenza maggiore da parte di clienti che avrebbero potuto effettuare gli acquisti da casa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui