Processo per la morte di George Floyd, cambia l’accusa per il poliziotto

0

Processo per la morte di George Floyd, prima svolta importante: il giudice ha deciso di cambiare l’accusa per Dekek Chauvin, il poliziotto accusato

(Getty Images)

A poche ore dal via dell’attesissimo processo per la morte di George Floyd (a maggio dello scorso anno), è arrivato il primo colpo di scema. Cambia infatti l’accusa per Derek Chauvin, l’ex poliziotto che è anche il principale imputato davanti alla corte di Minneapolis.

Accusato di aver ucciso Floyd dopo aver premuto troppo a lungo il ginocchio su collo dell’uomo, Chauvin dovrà rispondere di vari reati. Accanto all’omicidio involontario di secondo grado e all’omicidio colposo spunta anche l’omicidio di terzo grado. Una imputazione che potrebbe rendere più facile la condanna.

La decisione è stata presa da Peter Cahill, il giudice del processo appena cominciato  a Minneapolis, che invece in passato aveva respinto l’accusa. In seguito alla sua prima decisione, la corte d’appello aveva chiesto che la rivalutasse e adesso è arrivata la pronuncia ufficiale.

(Twitter)

Una prima svolta per un processo che si annuncia molto atteso e molto teso per tutto quello che comporta di fronte all’opinione pubblica. Di fronte alla corte c’è il solo Chauvin mentre altri tre ex agenti che parteciparono all’arresto saranno processati a parte per accuse meno gravi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> George Floyd, al via oggi il processo per l’agente: Minneapolis blindata

George Floyd, il movimento di protesta che ha aperto un dibattito in tutto il Paese

George Floyd era stato dichiarato morto il 25 maggio scorso dopo che Chauvin, come dimostravano alcune immagini e testimonianze, gli ha premuto il ginocchio contro il collo per circa 9 minuti. Un tragico evento ha generato il movimento ‘Black LIves Matter‘ ma che ha anche dato il via a proteste violente in tutta la nazione contro l’odio razziale.

(Getty Images)

Non riesco a respirare“, queste le ultime parole di Floyd, in poco tempo sono diventate un manifesto per le proteste mondiali. E il fatto che il suol presunto assassino fisse un poliziotto bianco (poi licenziato insieme ai suoi tre colleghi) non ha fatto altro che aumentare la frustrazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui