Diritti TV Serie A, conclusa l’assemblea di Lega: cosa è cambiato

0

Si è conclusa poco fa una nuova assemblea di Lega per l’assegnazione dei diritti TV della Serie A. Ecco cosa è cambiato

diritti tv serie a
Diritti TV Serie A, le novità dall’ultima assemblea di Lega (Getty Images)

Tema caldo delle ultime settimane è quello relativo all’assegnazione dei diritti TV della Serie A per il triennio 2021-24. Da una parte c’è Sky, che può godere della fiducia basata su un accordo che va avanti da 20 anni. Dall’altra DAZN, ormai non più una novità e che si appoggerà sulle reti TIM per fornire un servizio migliore.

Poco fa, si è conclusa una nuova assemblea di Lega per prendere una decisione in questo senso. Presenti in videoconferenza tutti i club di Serie A, che si sono espressi con un voto che però è rimasto invariato: 11 voti a favore di DAZN, 9 astenuti. Nuova fumata grigia, quindi, con un nuovo incontro fissato per la prossima settimana.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lotteria degli Scontrini, estratti i primi dieci vincitori: i codici

Diritti TV Serie A, le novità dell’ultima assemblea

diritti tv serie a
Previsto nuovo incontro la prossima settimana (Getty Images)

Si è conclusa con un nulla di fatto la nuova assemblea di Lega presieduta dal presidente Dal Pino e alla quale erano presenti tutti e 20 i club in videoconferenza. Tema di discussione l’assegnazione dei diritti TV della Serie A per il triennio 2021-24, con da una parte Sky e dall’altra la coppia DAZN-TIM. Nella nota ufficiale rilasciata dalla Serie A subito dopo la fine dell’incontro, il presidente Dal Pino si è così espresso.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Netflix, c’è il ritorno tanto atteso: manca davvero poco

Abbiamo approfondito insieme ai club, con molta attenzione, le offerte ricevute per i diritti audiovisivi per il territorio italiano relative al triennio 2021-2024. Proseguiamo la trattazione di questa tematica fondamentale in una nuova Assemblea, programmata per settimana prossima” le sue parole. Inoltre, Dal Pino avrebbe chiesto alle società di ritrovare l’unità di intenti che ha caratterizzato i mesi scorsi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui