Bonus pubblicità, c’è il via alle richieste: a chi spetta e come ottenerlo

0

Aperte le richieste per ottenere il bonus pubblicità 2021: requisiti e cosa fare per ottenere il credito d’imposta

Bonus pubblicità
Bonus pubblicità

Dal 1° marzo e fino al 31 dello stesso mese sarà possibile chiedere il bonus pubblicità che quest’anno è riconosciuto per il 50% del valore degli investimenti pubblicitari su giornali e periodici, anche in formato digitale, per un massimo di 50 milioni di euro. Per accedere al credito d’imposta serve presentare la comunicazione tramite i servizi dell’Agenzia delle Entrate.

Ricordiamo che l’incentivo è per imprese, i lavoratori autonomi e gli enti non commerciali in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa quotidiana e periodica, anche online, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali.

Nel mese di marzo vanno comunicati gli investimenti da effettuare nel 2021 per i quali si vuole usufruire dell’incentivo e dal 1° al 31 gennaio 2022 si passa poi alla seconda fase della domanda che prevede la conferma degli investimenti mediante dichiarazione sostitutiva.

Per gli anni 2021 e 2022 persiste il regime differenziato in base alla tipologia d’investimento. Per quelli sulla ‘stampa’ non vale il presupposto dell’incremento minimo dell’1% dell’investimento pubblicitario, come requisito per l’agevolazione, rispetto a quello dell’anno precedente.

Il credito di imposta per emittenti televisive e radiofoniche locali è riconosciuto per il 75% del valore incrementale, a patto che superi dell’1% almeno gli analoghi investimento dell’anno precedente.

LEGGI ANCHE—> Consumi in Italia, la pandemia ha bruciato quasi 140 miliardi

Come ottenere il bonus pubblicità

Bonus Irpef

Chi vuole usufruire del credito d’imposta deve presentare la comunicazione per l’accesso, la quale contiene i dati degli investimenti fatti o da fare. Poi c’è la dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati, a dimostrazione che gli investimenti in questione sono realmente avvenuti nell’anno agevolato.

LEGGI ANCHE—> Dichiarazione dei redditi 2021, le scadenze per l’invio dei documenti

L’ammontare dell’incentivo effettivamente fruibile da ciascun richiedente viene stabilito con un provvedimento del Dipartimento per l’informazione e l’editoria, presente sul sito istituzionale dello stesso. Il credito d’imposta riconosciuto è utilizzabile esclusivamente in compensazione mediante il modello F24, che va presentato tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui