WhatsApp, rischio concreto di crollo: i tre motivi

0

Spunta un concreto rischio di crollo per WhatsApp, specialmente a causa delle concorrenti. Andiamo a vedere i tre motivi che mettono a rischio l’app.

WhatsApp crollo
Spuntano i motivi per un nuovo calo di utenza su WhatsApp (via WebSource)

E’ un momento di vera difficoltà quello di WhatsApp che continua a perdere l’utenza ed adesso rischia un serio crollo. Infatti abbiamo visto come dall’inizio dell’anno i nuovi termini di servizio hanno creato non poci scompiglio tra gli utenti. L’aggiornamento dell’applicazione, infatti, entrerà in vigore a partire dal 15 maggio, sarà obbligatorio e soprattutto prevede la condivisione dei dati dell’app di messaggistica con Facebook.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Twitter, arriva un nuovo comando: sospiro di sollievo per gli utenti

Come se non bastasse, però, da Menlo Park c’è grande preoccupazione per le concorrenti. Negli ultimi mesi abbiamo visto non solo l’ascesa di Telegram, ma anche di Signal. Proprio quest’ultima applicazione ha ricevuto lo sponsor dell’Unione Europea e di Elon Musk e sta scalando le classifiche con download su download. Andiamo quindi a vedere i tre motivi per cui Signal sta rubando utenti alle app di messaggistica.

WhatsApp, Signal rischia di segnare il crollo: la nuova app di messaggistica stupisce tutti

WhatsApp Crollo
Signal, l’app pronta a competere con i colossi della messagistica (via WebSource)

In questi mesi, in contemporanea al crollo di WhatsApp abbiamo visto anche l’ascesa di Signal. La nuovissima applicazione di messaggistica assicura grande sicurezza per la privacy degli utenti. Andiamo quindi a vedere i tre elementi fondamentali che la distinguono da WhatsApp e Telegram.

POTREBBE INTERESSARTI >>> PlayStation VR, buone notizie per gli utenti: annunciati 6 nuovi titoli

  • ALGORITMI – Gli algoritmi sfruttati dall’applicazione sono eccezionali e capaci di renderla unica nel suo genere. Inoltre questi garantiscono la massima sicurezza all’utente specialmente per la privacy sui sistemi Android, iOS e Desktop.
  • CRITTOGRAFIA END-TO-END – Signal include uan crittografia end-to-end basata su un sistema logico-matematico. Inoltre le sue chiavi di protezione nascoste vengono ricreate continuamente, proprio questo permette la sicurezza dei dati che diventano impossibile da rintracciare.
  • TIMER DI AUTODISTRUZIONE – L’applicazione di messaggistica è stata la prima ad introdurre un timer per i messaggi, entro il quale i testi inviati si autodistruggeranno. Si possono quindi inviare contenuti in modo rapido e videochiamate in alta qualità. Inoltre nell’applicazione è introdotta anche la condivisione di documenti, foto, audio e altro.

Così Signal lancia l’assalto alle altre applicazioni di messaggistica, pronta a rubarsi una grande fetta di pubblico. Una strategia messa in pratica nel momento più adatto, ossia quello di un continuo crollo di utenti di WhatsApp. Ma il primo obiettivo di Signal resta quello di superare Telegram, per poi sognare in grande e raggiungere l’app di Menlo Park.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui