Juventus-Lazio 3-1: highlights, voti e tabellino

0

Juventus-Lazio 3-1: highlights, voti e tabellino della partita all’Allianz Stadium. Rabiot e Morata ribaltano la partita e salvano Pirlo

(Getty Images)

Juventus-Lazio 3-1: era iniziata malissimo, finisce con tre punti e in fondo tutti ricorderanno il punteggio. Ma ancora una volta Pirlo avrà di che riflettere pensando anche al ritorno con il Porto.

Al primo errore, arriva la punizione: Kulusevski perde un pallone in maniera assassina, Corre ringrazia e scarta il regalo. Basta un dato per capire che questa Juve, seppure raffazzonata, non funziona: nella passata stagione la squadra di Sarri aveva subito solo due gol nei primi 15 minuti, in questa è già successo cinque volte. Il segnale più chiaro della fatica ad arrivare in campo concentrati e sul pezzo, come se la lezione di Oporto, ultima di una lunga serie, fosse servita a nulla in realtà.

L’infermeria piena, tra infortuni e positività al Covid, poi aiuta nulla: in mezzo dovevano esserci Arthur e Bentancur, non necessariamente insieme ma certamente a supporto del gruppo come teste pensanti. A Pirlo mancano entrambi e in mezzo non c’è nessuno che sappia prendere per mano la squadra portandola fuori dal tunnel.

A dare la scossa priva Chiesa, che di carica ne ha almeno per tre, ma trova a supportarlo solo Morata ed è poco. E ci riesce in fondo il meno atteso, perché i gol, di Rabiot si contano sulle dita di una mano. Eppure la sua fiondata che batte un incerto Reina (ma il francese ha il merito di caricare la bombarda e provarci) è tutto quello che serve per suonare la sveglia.

Manca Cristiano Ronaldo, anche quello a corrente alternata degli ultimi tempi. E Pirlo aspetta, convinto di avere le contromisure giuste. In effetti è così, ma solo perché quei due là davanti trasformano in oro quel poco che toccano e puniscono la Lazio con la sua arma preferita, la ripartenza. Chiesa per Morata, il sinistro sa di liberazione.

(Getty Images)

Ancora di più quando Milinkovic-Savic entra in collisione con Ramsey (era più evidente il mani di Hoedt nel primo tempo) e lo spagnolo fa bis dal dischetto. Poi CR7 entra, ma il pacchetto dei tre punti era già stato confezionato. Gioca meglio la Juve senza di lui? No, ma almeno sa prendersi responsabilità e anche questo conta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, un top in scadenza al posto di Cristiano Ronaldo

Juventus-Lazio 3-1: highlights, voti e tabellino

(Getty Images)

MARCATORI: 14′ Correa (L), 39′ Rabiot (J), 57′ e 60′ rig. Morata (J)

JUVENTUS (4-4-2): Szczesny 6; Cuadrado 6.5 (69′ Arthur 6), Danilo 6.5, Demiral 6, Alex Sandro 6; Chiesa 7.5 (82′ Bonucci sv), Rabiot 6.5, Ramsey 6 (69′ McKennie 6), Bernardeschi 6; Kulusevski 5 (92′ Di Pardo sv), Morata 7 (69′ Cristiano Ronaldo 5). All. Pirlo 6.5

LAZIO (3-5-2): Reina 5; Marusic 5.5 (81′ Pereira sv), Hoedt 5.5, Acerbi 6; Lulic 5.5 (55′ Patric 6), Milinkovic-Savic 5.5, Leiva 6 (55′ Escalante 6), Luis Alberto 6 (81′ Caicedo), Fares 6.5; Correa 6.5, Immobile 5 (81′ Muriqi sv). All. S. Inzaghi 5.5

NOTE: ammonito Acerbi (L)

Clicca qui per vedere in anteprima tutti gli highlights di Juventus-Lazio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui