Covid, in Italia 400mila donne hanno perso il lavoro: i dati sull’occupazione

0

Covid, in Italia 400mila donne hanno perso il lavoro: i dati sull’occupazione nel semestre aprile-settembre 2020. Situazione difficile in tutta Europa

Dati occupazione donne
Covid, in Italia 400mila donne hanno perso il lavoro: i dati sull’occupazione (Foto: Getty)

L’effetto della pandemia di Covid-19 sul mondo del lavoro è stato a dir poco devastante nel corso degli ultimi 12 mesi. Un impatto che ha coinvolto moltissimi settori, con una contrazione di posti di lavoro solo minimamente mitigata da bonus e ristori. La situazione è diventata piuttosto seria in tutta Europa e purtroppo anche in Italia non ha fatto eccezione, anzi. Come spesso accade, alcune categorie sono state più penalizzate di altre, ad esempio le donne. Il calo dell’occupazione femminile è un dato estremamente emblematico per capire le difficoltà economiche e lavorative del nostro Paese.

Secondo i dati diffusi dal gruppo di Consulenti del lavoro, nei sei mesi da aprile a settembre 2020, l’Italia ha fatto registrare un calo di 402mila impieghi in rosa, circa il doppio di quanto avvenuto in media nel resto d’Europa.

LEGGI ANCHE >>> Covid, l’indice Rt in Italia sale a 1,06: settimana scorsa era 0,99

LEGGI ANCHE >>> Zona rossa rafforzata, l’invenzione di un sindaco: giovani a casa

Covid, in Italia 400mila donne hanno perso il lavoro: peggio di noi solo la Spagna

Donne lavoro 2020
Covid, in Italia 400mila donne hanno perso il lavoro: i dati sull’occupazione (foto: Getty)

Entrando nello specifico dei dati forniti dai Consulenti del lavoro si può notare come la contrazione è stata del 4,1% per le addette tra i 15 e 64 anni in Italia. Se andiamo a considerare i dati medi europei possiamo notare come la percentuale scenda al 2,1%. Nella triste classifica dell’occupazione in rosa, la situazione peggiore viene registrata in Spagna, seguita da vicino proprio dal nostro Paese.

I cali minori, sia al femminile che in generale, sono stati registrati in Germania, Scandinavia e Francia.

Le previsioni per questo 2021 non sono ancora ottimali e tra le problematiche per la campagna di vaccinazione e la diffusione delle varianti, la ripresa è prevista non prima del 2022. La Commissione Europea ha stanziato diverse misure di sostegno per ricreare posti di lavoro nei prossimi mesi, con fondi extra, oltre al Recovery Fund.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui