Vaccino Covid, De Luca: “Lavoriamo per produrli in Campania”

0

Vaccino Covid, il governatore della Campania Vincenza De Luca ha aperto alla produzione autonoma del farmaco

vaccino covid
Vaccino Covid, parla il governatore della Campania Vincenzo De Luca (Foto: Getty)

Tema caldo delle ultime settimane è quello relativo al vaccino anti Covid. In attesa che altre aziende farmaceutiche ricevano l’ok alla commercializzazione da parte dell’Ema, si sta cercando di accelerare la produzione e la somministrazione delle dosi già a disposizione. Poco fa, il governatore della regione Campania Vincenzo De Luca è intervenuto proprio su questo tema tramite la sua pagina Facebook.

Stiamo lavorando per la produzione del vaccino qui in Campania. Ci sono già aziende che producono farmaci e che possono attrezzarsi grazie all’aiuto della Regione. Un supporto finanziario anche rilevante e con le giuste tecnologie” ha dichiarato De Luca: “Si tratta di una operazione che richiederà non meno di 4 mesi dalla stipula dell’accordo, ma siamo al lavoro proprio in questa direzione. Obiettivo investire decine di milioni di euro per la conversione aziendale“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, l’indice Rt in Italia sale a 1,06: settimana scorsa era 0,99

Vaccino Covid, De Luca: “Gli ospedali sono appesantiti”

Vincenzo De Luca
Le sue parole sull’attuale andamento del virus (Foto: Getty)

Oltre al tema vaccino anti Covid, durante la sua consueta diretta social il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha fatto il punto della situazione sull’andamento della pandemia. “Siamo in zona rossa perché il livello di contagio attuale non è sostenibile. Abbiamo registrato una grande ricaduta sulla rete ospedaliera, che alla lunga diventa non reggibile” ha spiegato De Luca, aggiungendo che: “Già c’è un importante appassimento degli ospedali, in particolare sul Cardarelli. Necessario prendere misure eccezionali

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Vaccino Covid, consensi da record per Boris Johnson: i numeri

La variante alla quale siamo di fronte è di estrema pericolosità. Ci sono livelli di contagio enormi, soprattutto nel mondo della scuola” ha poi concluso: “È questa la prima ragione dell’esplosione. Siamo tra le regioni più esposte perché abbiamo la più alta densità abitativa, oltre che per i comportamenti scorretti“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui