Covid, l’indice Rt in Italia sale a 1,06: settimana scorsa era 0,99

0

Secondo quanto si apprende dalla Cabina di Regia, l’indice Rt relativo al Covid in Italia è salito a 1,06

covid indice rt
Covid, torna a salire l’indice Rt in Italia. Gli ultimi numeri aggiornati in Cabina settimanale di Regia (Foto: Getty)

Sono in aumento i numeri relativi al Covid in Italia. Le varianti hanno portato ad un nuovo innalzamento dei positivi giornalieri, tanto che il Governo sta già discutendo contromosse per fermare l’avanzata del virus. Stando a quanto riferisce l’Ansa, la stima della Cabina di Regia – riunitasi questa mattina – relativa all’indice Rt è salita a 1,06.

Si tratta di un dato preoccupante, in crescita rispetto al valore di 0,99 della settimana scorsa. Secondo quanto comunicato dall’Iss, nella settimana dal 22 al 28 febbraio si è osservata: “Una netta accelerazione per ciò che riguarda l’aumento dell’incidenza a livello nazionale“. Si è passati dai 145,16 della settimana scorsa a 194,87 casi per 100mila abitanti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid, consensi da record per Boris Johnson: i numeri

Covid, sale l’indice Rt ma non solo: i numeri aggiornati

covid lazio
I dati dell’ultimo report settimanale dell’Iss parlano di una quota tornata ad essere preoccupante: 1,06 (Getty Images)

Stando ai dati emersi questa mattina dalla Cabina settimanale di regia, i numeri relativi al Covid sono in netto aumento. L’incidenza nazionale si allontana dai livelli che permetterebbero il completo ripristino dell’identificazione e del tracciamento dei casi a livello nazionale, che dovrebbe essere di 50 casi per 100mila abitanti. Ad oggi, la soglia è vicina ai 250.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid, cambia mappa dell’Italia: maggiori restrizioni in Lombardia e Campania

Da evidenziare anche i numeri relativi alla mortalità. Secondo quanto riferisce l’Iss, da inizio pandemia e fino al 31 dicembre 2020 l’incidenza del Covid sulla mortalità è stata del 14,5% al Nord, 6,8% al Centro e 5,2 al Sud. Queste invece le fasce d’età: 4,6% tra i 0 e i 49 anni; 9,2% tra i 50 e i 64; 12,4% tra i 65 e i 79; 9,6% dagli 80 in sù.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui