Covid, cambia mappa dell’Italia: maggiori restrizioni in Lombardia e Campania

0

Il monitoraggio dell’Iss sull’andamento del Covid farà cambiare la mappa dell’Italia: Lombardia in zona arancione rafforzata; Campania in zona rossa.

Covid italia mappa
Si va in direzione di maggiori restrizioni (Getty Images)

E’ atteso il monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità, con la mappa dell’Italia pronta a cambiare a causa della diffusione del Covid. Infatti stando ai numeri della settimana, torneremo a vedere una penisola completamente in zona rossa o arancione, una scelta dovuta alla diffusione delle nuove varianti. Avremo quindi misure e regole più restrittive e soprattutto con nuovi divieti.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, medici ospedalieri: “Situazione in peggioramento, serve lockdown”

Infatti mentre la scossa settimana l’indice Rt si era attestato nuovamente al 0,99,  questa settima l’Iss si aspetta un’altra crescita, proprio a causa della diffusione della variante inglese. Dopo una giornata con oltre 5mila contagi, la Lombardia si muove in anticipo implementando la zona arancione rafforzata. La misura è stata stabilita fino al 15 marzo, e prevede: scuola chiusa, vietate visite ad amici e parenti, no agli spostamenti nelle seconde case, una persona per famiglia può fare la spesa.

Covid, cambia la mappa dell’Italia: situazione complessa in Campania, preoccupa anche l’Emilia Romagna

Covid mappa italia
Tutte le regioni pronte a cambiare colore (Getty Images)

Il quadro pandemico appare complesso in diverse zone della penisola. Sono diverse le regioni pronte a passare in zona rossa. Infatti l’Emilia Romagna sembrebbe una di queste, con il presidente Stefano Bonaccini che ha annunciato: “Le limitazioni della zona arancione classica non bastano più“. Allarme anche in Abruzzo, con gli ospedali che sono al collasso ed una zona rossa che appare necessaria, come riportano i primari degli ospedali.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Liuzzi (M5s) a iNews24: “Con Rousseau la guerra dura da mesi. Espulsi, tornino se c’è un ripensamento”

Situazione abbastanza complessa soprattutto in Campania, come certifica l’Unità di crisi della regione. Anche il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ha indicato come inevitabile l’ingresso in zona rossa. Come riporta l’Unità di crisi continua a crescere il contagio, specialmente a causa della variante inglese. Così, con molte probabilità, ad annunciare la zona rossa ci penserà proprio il governatore Vincenzo De Luca, durante la diretta social del venerdì.

L’ultimo sorvegliato speciale è il Lazio, ancora in zona gialla e con un Rt pari allo 0,98. Come in gran parte della penisola, anche nella regione in questione calano i decessi ma continuano ad aumentare i nuovi positivi, mentre restano stabili i tassi di occupazione dei posti letto. Riporta una certa preoccupazione anche il governatore del Veneto Luca Zaia, con le terapie intensive che, ad oggi, hanno un tasso di occupazione che va dal 12% al 14%.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui