Bonus mobili, novità per il 2021: requisiti e come ottenerlo

0

Con la Legge di Bilancio è stato confermato il bonus mobili anche per il 2021 e ci sono anche novità in merito all’importo massimo detraibile

Bonus mobili
Bonus mobili

Il bonus mobili, con la Legge di Bilancio, è stato confermato anche per quest’anno ed inoltre il limite di spesa è passato da 10.000 a 16.000 euro per lavori di ristrutturazione avviati a partire dal 1° gennaio del 2020.

Il bonus, per chi ancora non lo sapesse, è una detrazione IRPEF del 50% che viene concessa ai contribuenti per ricevere un ritorno sulle spese sostenute per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici a seguito di una ristrutturazione edilizia.

L’incentivo quindi è correlato alla ristrutturazione di un’abitazione. Infatti, la data di inizio dei lavori dev’essere precedente a quella dell’acquisto di mobili o elettrodomestici. Questi ultimi, inoltre, non dovranno essere di classe inferiore alla A+, A per i forni.

Il contribuente che esegue lavori di ristrutturazione su più immobili, potrà godere di altrettanti bonus.

LEGGI ANCHE—> Dl Sostegno, blocco dei licenziamenti e ristori a fondo perduto: la bozza

Quali sono i lavori che prevedono il bonus mobili

Bonus mobili elettrodomestici
Bonus mobili elettrodomestici

La detrazione IRPEF, andando nel dettaglio, viene riconosciuta ai seguenti lavori: manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia sui singoli appartamenti. I lavori di manutenzione ordinaria sugli appartamenti privati, come tinteggiatura di pareti o sostituzioni varie, non danno diritto all’incentivo. E’ valido invece per la ricostruzione o il ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, qualora sia stato dichiarato lo stato di emergenza.

LEGGI ANCHE—> Pagamenti online delle bollette, dal 1° marzo cambia tutto

Per ciò che concerne i fabbricati, il bonus viene erogato in caso di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, quando i lavori vengono svolti da imprese di costruzione o ristrutturazione che entro 18 mesi dalla fine vendono o assegnano l’immobile.

In caso di condomini, il bonus è valido per la manutenzione ordinaria, quella straordinaria, il restauro ed il risanamento conservativo, oltre alla ristrutturazione edilizia su parti comuni del condominio. Il bonus non è previsto per la manutenzione ordinaria di appartamenti privati. Per ulteriori chiarimenti il rimando è al sito dell’Agenzia delle Entrate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui