Francia, arrestato l’ex presidente Sarkozy: “Ha corrotto un magistrato”

0

Ora è arrivata anche l’ufficialità: 3 anni di condanna per corruzione a Nicolas Sarkozy, ex presidente della Francia

francia sarkozy
Francia, l’ex presidente Sarkozy condannato a 3 anni (Getty Images)

A seguito del tanto discusso scandalo delle intercettazioni, l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy è stato condannato poco fa a 3 anni di carcere – 2 con la condizionale – dal tribunale di Parigi. Stando all’accusa, l’ex inquilino dell’Eliseo avrebbe corrotto anche un magistrato, oltre ad esser stato coinvolto in traffico di influenze.

Stessa pena anche per il suo avvocato Thierry Herzog, che dovrà scontare tre anni di carcere e il cui esercizio di professione gli sarà vietato per i prossimi cinque anni. Non è la prima volta che un presidente in Francia venga condannato a una pena detentiva. Già Jacques Chirac subì la stessa sorte per falsi impieghi al comune di Parigi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Regina Elisabetta, cresce la paura per il principe Filippo: è stato trasferito

Francia, 3 anni di carcere per Sarkozy: l’accusa

francia sarkozy
Accusato di corruzione e traffico di influenze (getty Images)

L’ex presidente francese Nicolas Sarkozy dovrà scontare 3 anni di carcere, 2 con la condizionale. Il 66enne è stato accusato di “Patto di corruzione e traffico di influenze“. L’accusa aveva chiesto quattro anni di carcere per lui, due dei quali con la condizionale. Imputati anche l’avvocato Thierry Herzog e il magistrato Gilbert Azilbert, condannati alla stessa pena.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Usa, Trump attacca Biden: “Disastro, abbiamo vinto le elezioni due volte”

Stando a quanto riferisce l’Ansa, Azilbert avrebbe ricevuto la promessa di vantaggi in carriera, in cambio di informazioni coperte da segreto istruttorio. È molto probabile che la difesa di Sarkozy annuncerà il ricorso in appello, così da trasformare l’anno di carcere in regime di semilibertà o lavori socialmente utili.

Non è finita qui però per l’ex presidente della Francia. Sempre nel mese di marzo, infatti, dovrà tornare in tribunale per un altro processo per accuse legate a finanziamenti illegali della sua campagna presidenziale nel 2012.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui