Enzo Avitabile tra i protagonisti di Gente di Napoli, documentario disponibile su YouTube

Si chiama Gente di Napoli – Humans of Naples e nasce dall’omonimo progetto fotografico e di indagine psicosociale di Vincenzo De Simone, psicologo e fotografo partenopeo.

0

Si chiama Gente di Napoli – Humans of Naples e nasce dall’omonimo progetto fotografico e di indagine psicosociale di Vincenzo De Simone, psicologo e fotografo partenopeo. Un viaggio esclusivo tra cibo, arte, musica, teatro e calcio che ha l’obiettivo di rafforzare e rilanciare l’immagine della città di Napoli sullo scenario internazionale, attraverso gli occhi e le parole di chi la vive. Ma anche i volti di chi decide di restare o di chi è stato costretto a lasciarla.

LEGGI ANCHE: Covid, come cambia l’Italia dal 1 marzo: c’è la prima regione in zona bianca

Il racconto risponde a due domande principali: cosa significa vivere a Napoli e cosa vuol dire essere napoletani – spiega De Simone – Abbiamo fatto una piccola ricerca psicosociale che è stata pubblicata dall’Università Suor Orsola Benincasa. Le interviste si basano molto sul periodo storico e sul luogo in cui vengono effettuale e le risposte cambiano in base a quest’ultimo, ma anche all’età degli intervistati. I giovani hanno pensieri più positivi e sono speranzosi. Mentre la fascia d’età più avanzata è nostalgica, perché ha più esperienza e ha visto la città cambiare nel corso degli anni”.

 Gente di Napoli: le storie e le contraddizione della città

Gente di Napoli è prodotto da Vincenzo De Simone con la regia di Luciano Ruocco, autore di documentare e film-maker presso la Rocco Media Productions e di Maurizio Di Nassau, regista, fotografo e film-maker. “Ci conosciamo tutti da molto tempo – spiega De Simone – ed è stato semplice lavorare insieme. Abbiamo organizzato tutto in un mese e abbiamo lavorato in modo indipendente”. Il direttore della fotografia è Stefano Virgilio Cipressi, la post-produzione audio di Giuliano Matteo Carmosino, il service sociale audio-video di Fujakkà e i video drone di Virto 360.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Covid, Cts: “Scuole chiuse in zona rossa ed in aree con alta incidenza”

Il documentario è stato premiato a dicembre alla 74esima edizione del Festival Internazionale del Cinema di Salerno per la sezione Documentari Sociali. È inoltre finalista della 17esima edizione di Accordi e Disaccordi, Festival Internazionale del Cortometraggio.

Enzo Avitabile - La gente di Napoli - Humans of Naples (Vincenzo De Simone)
Enzo Avitabile – La gente di Napoli – Humans of Naples (Vincenzo De Simone)

Nello svolgersi di una giornata a Napoli, personaggi di Gente di Napoli raccontano le storie e le contraddizioni della loro città. Tra questi Enzo Avitabile descrive Napoli come una casa madre, un punto da cui si parte per poi ritornarvi. O Laura Bouchè, emigrata a Londra, che mette in evidenza la capacità di un napoletano di adattarsi a nuovi contesti. Ancora, Cristina Donadio sottolinea come Napoli sia avvolta da luci e ombre che spesso cerchiamo di nascondere. Infine Christian Giroso, nato e cresciuto a Scampia, racconta del laboratorio teatrale Arrevuoto, che vede impegnati i giovani della periferia di Napoli.

Artisti e persone comuni “tutti uguali”

Il cast è composto da Carlo Alvino, Enzo Avitabile, Laura Bouchè, Sara Caiazzo, Sal Da Vinci, Luigi de Magistris, Cristina Donadio, Marco Ferrigno, Luciano Filangieri, Sara Gentile, Christian Giroso, Emanuela Marchese, I Nati con la Camicia, Gianni Parisi, Teresanna Pugliese, Luigi Reale, Patrizio Rispo, Pasquale Ruocco, Mario Scippa, Veronica Simioli, Ciro Vitiello. Le musiche di Enzo Avitabile, Andrea Sannino, LePuc, Roberto Ormanni & Il Quartet.

Cristina Donadio - La gente di Napoli Humans of Naples (Vincenzo De Simone)
Cristina Donadio – La gente di Napoli Humans of Naples (Vincenzo De Simone)

Oltre ai volti noti del mondo dello spettacolo, ci sono persone comuni: “Abbiamo cercato di confondere i vip tra le persone comuni, e nel video compaiono i nomi senza i cognomi – racconta Vincenzo De Simone – Questo perché nel mio progetto i napoletani sono tutti uguali. È bello leggere il pensiero di Enzo Avitabile, perché è un artista napoletano famoso tutto il mondo, ma la storia di Luigi che vende i panini per strada e che ho incontrato per caso è altrettanto importante. Nel progetto sono tutti uguali”.

Il documentario è disponibile sul canale Youtube e sul sito del progetto La Gente di Napoli: “Abbiamo voluto renderlo gratuito e accessibile a tutti per sempre – conclude De SimoneUn segnale positivo per dimostrare che Napoli è viva e sogna ancora, nonostante le problematiche affrontate in quest’ultimo anno”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui