Crisi Covid, 68enne si suicida nella sua agenzia di viaggio: “Sono stanco” 

0

Crisi Covid, 68enne ce la fa più e si toglie la vita in maniera tragica. Ennesima tragedia avvenuta in Italia da inizio pandemia. 

Bari
(websource)

Choc in Italia: un imprenditore di 68 anni si è tolto la vita nella sua agenzia di viaggi. Il dramma si è consumato a Seano di Camignano, in provincia di Prato. Esasperato per le difficoltà economiche causate dal Covid-19 e tutte le restrizione seguite, l’uomo non ce l’avrebbe fatta commettendo il gesto estremo. A confermare la causa di tale decisione è un biglietto lasciato vicino sul posto e trovato dai carabinieri in cui si è detto “stanco”. 

Potrebbe interessarti anche —-> Foggia, arrestati i killer di Traiano: quel destino da 18 anni beffa la sua famiglia

Crisi Covid, 68enne esasperato si suicida

Calano contagi negli ospedali
 (Foto: Getty)

A scoprire il cadavere è stata la sua socia mentre entrava nell’ufficio in compagni di un amico, già allarmati tuttavia da una sua assenza insolita che ormai durava da ore. Le forze dell’ordine ora indagano per ricostruire la vicenda e far chiarezza assoluta su quanto accaduto. Se confermato, si tratterebbe dell’ennesimo episodio disperato che rappresenta la sofferenza di milioni di italiani, sia imprenditori che dipendenti, soffocati da un incubo che dura ormai da un anno.

Edoardo Prestanti, sindaco di Seano di Camignano, si è stretto al dolore della famiglia con la seguente nota ufficiale: “Da parte della giunta comunichiamo la massima vicinanza alla famiglia a cui si accompagna la riflessione su come questo tragico fatto sia conseguenza di una situazione nazionale critica, dove le attuali misure non sono sufficienti a tutelare le categorie di lavoratori maggiormente colpite”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui