Covid, le varianti inglese e brasiliana presenti nelle acque di scarico

0

Le varianti inglese e brasiliana del Covid sono state individuate per la prima volta nelle acque di scarico italiane: la ricerca condotta dall’Iss.

Sono state individuate per la prima volta nelle acque di scarico italiane le varianti inglese e brasiliana del SARS-CoV-2. Il risultato è emerso da una ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l’Istituto Zooprofilattico della Puglia e della Basilicata. Grazie a questo studio si è potuto dimostrare che i reflui urbani possono essere utili per conoscere la circolazione delle varianti nei centri urbani.

LEGGI ANCHE—> Covid, spunta una nuova variante a New York: allarme per gli Usa

Covid, dove sono stati raccolti i campioni con tracce di varianti

“I nostri risultati – ha spiegato Luca Lucentini, direttore del Reparto Qualità dell’Acqua e Salute – confermano le potenzialità della wastewater based epidemiology, non solo per lo studio dei trend epidemici, come già dimostrato in precedenti nostre ricerche e ormai consolidato nella letteratura scientifica, ma anche per esplorare la variabilità genetica del virus”. A fargli eco è stata Lucia Bonadonna, direttrice del Dipartimento Ambiente e Salute dell’Iss, che ha sottolineato: “Le prospettive sono promettenti, in particolare se pensiamo che la sorveglianza sui reflui è applicata in diversi paesi europei, anche se non ancora per la ricerca delle varianti”.

LEGGI ANCHE—> Covid, Toti: “Sistema a fasce dove serve, non a tutta la regione”

Le varianti inglese e brasiliana sono state individuate in reflui raccolti a Perugia dal 5 all’8 febbraio, mentre quella spagnola è stata rintracciata a seguito di campioni raccolti da impianti di depurazione a Guardiagrele, in Abruzzo, dal 21 al 26 gennaio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui