Cerotto antidroga, com’è fatto e quali sono le sue funzioni

0

Dalla Corea del Sud arriva l’innovativo cerotto antidroga, pronto a proiettare il mondo nel futuro nell’ambito del contrasto alle sostanze stupefacenti

cerotto antidroga
cerotto antidroga (Foto: Korea Institute of Materials Science)

Il team dell’Institute of Materials Science della Corea del Sud ha sviluppato un sensore facilmente indossabile che è in grado di rilevare la presenza di droghe nel sudore entro 60 secondi. Il dispositivo si applica sulla pelle come se fosse un cerotto ed utilizza la tecnica SERS, spettroscopia Raman amplificata da superfici, per amplificare la radiazione elettromagnetica delle sostanze stupefacenti attraverso l’utilizzo di una luce laser.

Tale tecnologia consente di rilevare tracce di droga anche se in dosi davvero minime. Il funzionamento nel dettaglio del cerotto antidroga è descritto sulla rivista ACS Applied Materials and Interface.

LEGGI ANCHE—> Cashback, guardate l’app: cattive notizie per i 1.500€

Cerotto antidroga più preciso dei test antidoping: è il futuro

Wada

Il cerotto è formato da una pellicola che risulta essere una proteina che si ricava dal bozzolo dei bachi da seta ed è spessa soli 160 nanometri. A ricoprirla ci pensa un filo in argento di 250 nanometri. Il costo del dispositivo è di 50 centesimi di dollaro ciascuno.

LEGGI ANCHE—> GTA 5 verso il ban definitivo in Illinois: svelato il motivo

Una volta assorbito il sudore, si illumina una luce laser che è in grado di percepire le molecole di droga. Questa tecnica viene considerata addirittura superiore, per tempistiche e precisione, ai test antidoping delle urine. In futuro la si potrebbe utilizzare su larga scala per combattere problemi come l’uso di droghe nelle scuole, nei locali, ma anche nello sport.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui