Covid, nessuna terza ondata: “Il virus non ha mai smesso di circolare”

0

Giorgio Palù, presidente dell’Aifa fa chiarezza sulla possibile terza ondata di Covid-19. Infatti per il direttore il virus non ha mai smesso di circolare.

Covid terza ondata
Le parole di Giorgio Palù, presidente Aifa (Foto: Getty)

Arrivano ulteriori novità sulla possibile terza ondata di casi da Covid-19. Infatti a parlare è proprio il presidente dell’Aifa, Giorgio Palù, che fa il punto della situazione. Infatti stando alle parole di Palù non ha senso parlare di una nuova ondata di casi Covid, quando in realtà il virus non ha mai smesso di circolare sul nostro territorio. Negli ultimi giorni, però, a causa delle varianti abbiamo visto un’impennata di casi in diverse zone del paese, messe prontamente in zona rossa.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Milleproroghe, via libera della Camera: tutte le novità del decreto

Per Palù non c’è bisogno di avvertimenti, visto che oramai è noto come la variante inglese (B.1.1.7) è prevalente in tutta Europa. Una situazione comune in tutte le città italiane, con il nuovo coronavirus che finirà per affermarsi nel nostro paese. Infatti nell’ultima settimana il dato dei tamponi positivi con variante B.1.1.7 è salito al 30%. Questo virus, infatti si produce più velocemente rispetto all’originale e quindi viene trasmesso con più facilità. Andiamo quindi a vedere le proposte del presidente dell’Aifa.

Terza ondata Covid, Palù (Aifa): “Più restrizioni, ma niente lockdown”

Covid terza ondata
La proposta del presidente dell’Aifa (Getty Images)

Durante la sua intervista, Palù ha chiarito che più il virus circolerà, più muterà nel tempo, proprio perchè il suo obiettivo è diffondersi il più possibile. Ad oggi ad aiutare il tracciamento del virus c’è anche la messa a punto dei test molecolari, che adesso permettono di individuare le varianti inglesi e sudafricane. Infatti una volta individuata la variante occorre sequenziare il genoma virale, attività che in Italia finora non è stata molto sostenuta.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Ciro, transgender recluso in carcere femminile. Arcigay a iNews24: “Burocrazia dimentica questioni di genere”

Inoltre sempre per il presidente dell’Aifa, non va implementato un nuovo lockdown, ma basterebbe rafforzare le misure di contenimento in grado di limitare assembramenti, spostamenti, trasporti e attività pubbliche compresa la scuola. Palù si schiera poi con la proposta di Letizia Moratti che chiede maggiori vaccini per le regioni più colpite dal Covid-19. Infatti ad oggi è certa l’efficacia dei vaccini, visto che i contagi sono crollati ovunque siano stati usati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui