Editori Ue d’accordo con Microsoft: “Big tech dovranno pagare le notizie”

0

Gli editori europei sono d’accordo con la Microsoft riguardo all’obbligo da parte dei big tech di pagare le notizie pubblicate sulle proprie piattaforme

Gli editori europei sono d’accordo con Microsoft per l’introduzione in Europa di un meccanismo simile a quello australiano per costringere i colossi della tecnologia a pagare i contenuti delle notizie condivise sulle proprie piattaforme.

Il meccanismo di arbitrato europeo dovrebbe considerare il modello stabilito dalla legge australiana. Quest’ultima permette ad un collegio arbitrale di stabilire un giusto prezzo per l’utilizzo dei contenuti “sulla base di una valutazione dei benefici derivati da ciascuna parte”, oltre “i costi di produzione del contenuto e qualsiasi onere indebito”.

LEGGI ANCHE—> Cashback, arriva una piacevole sorpresa per gli iscritti 

Big tech, si riflette su un’equa remunerazione delle notizie

UE

L’Australia ha spianato la strada negli scorsi giorni con una legge in merito e le associazioni come Emma, Enpa, Epc, Nme e la Microsoft hanno deciso di lavorare insieme per permettere all’industria editoriale di ricevere un’equa remunerazione per i contenuti delle news che i big tech utilizzano per aumentare il traffico e le entrate derivanti dalla pubblicità.

LEGGI ANCHE—> 6G, nuova realtà già in fase di progetto? Huawei e ZTE si fanno avanti

“L’Ue – hanno detto gli eurodeputati – dovrebbe garantire che il giornalismo di qualità sopravviva e che i media continuino ad avere risorse sufficienti per indagare e combattere la disinformazione con notizie valide”.

Questo è anche un modo per limitare lo strapotere dei colossi della tecnologia che spesso sfuggono ad alcune logiche del mercato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui