Covid, la richiesta dei ristoratori: “Aperture fino alle 18 anche in arancione”

Covid, l’appello dei ristoratori in Campania: ristoranti aperti fino alle 18 in zona arancione, anche la sera in zona gialla

covid ristoratori
Covid, le richieste dei Ristoratori avanzate alla regione Campania (Foto: Getty)

Tra i settori maggiormente colpiti dall’emergenza Covid e dalle conseguente restrizioni imposte dal governo, c’è sicuramente quello della ristorazione. Attualmente, i titolari sono obbligati a chiudere dopo le 18 in zona gialla, mentre in arancione e rossa è consentito solo l’asporto. Una situazione ormai ingestibile, che ha spinto il presidente di Fipe Confcommercio Massimo Di Porzio ad inviare una lettera con le richieste dei ristoratori al governatore della Campania De Luca.

La proposta è ben precisa e in linea con quanto emerso ieri nella conferenza Stato-Regioni.Chiediamo riapertura a pranzo e fino alle 18 in zona arancione. Per la fascia galla, invece, apertura anche a cena fino all’orario di coprifuoco” si legge nella lettera inviata da Di Porzio alla segreteria della Campania.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Germania, orrore ad Hanau: sfregiato il luogo dedicato alle vittime

Covid Campania, le richieste dei ristoratori e dei titolari di bar

nuovo dpcm asporto
Discorsi simile anche per i bar, con una serie di proposte per aperture estese (Getty Images)

Con una lettera inviata dal presidente di Fipe Confcommercio Massimo Di Porzio alla segreteria della Campania, i ristoratori hanno avanzato le loro richieste per la tutela di uno dei settori maggiormente colpiti dall’emergenza Covid. Discorso allargato anche ai bar, con alcune misure da prendere per consentire l’apertura dopo le ore 18 in zona gialla. Per i locali senza tavoli, proposto il divieto di consumare davanti al locale. Tra le altre idee, poi, c’è l’utilizzo di app che regolino il flusso di ingresso, un numero massimo di persone all’interno stabilito e aree esterne autorizzate.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>>  Attacco in Congo, morti ambasciatore italiano e un carabiniere

Inoltre, sempre per la categoria dei bar, l’associazione Fipe Confcommercio ha richiesto il divieto di vendita di bevande alcoliche da asporto a partire dall’orario di chiusura previsto per i bar, da applicarsi anche a supermercati e distributori automatici.