Myanmar, Facebook chiude la pagina dell’esercito

0

Facebook ha deciso di chiudere la pagina Facebook dell’esercito del Myanman dopo i fatti che hanno portato al golpe del 1° febbraio

myanmar
myanmar, chiusa pagina fb esercito

Facebook ha deciso di chiudere la pagina gestita dall’esercito del Myanmar (ex Birmania) a seguito dei fatti che hanno portato al colpo di stato del 1° febbraio ed alla repressione delle manifestazioni dei militari che ha visto due vittime.

L’account si chiama Tatmadaw – True News Information Team e, secondo quanto riferito da Facebook in un comunicato ufficiale, ha “violato le regole della comunità che vietano l’incitamento alla violenza” diverse volte.

Migliaia di cittadini sono scesi in piazza anche stamane per protestare, mentre la moglie di Lu Min, famoso attore, ha denunciato l’arresto di quest’ultimo dopo aver preso parte alle manifestazioni.

LEGGI ANCHE—> MeToo in Grecia, arrestato l’attore Dimistris Lignadis per stupro

Proteste in Myanmar, l’Onu condanna la repressione

myanmar
myanmar, chiusa pagina fb esercito

LEGGI ANCHE—> Spagna, quarta notte di proteste per l’arresto di un rapper: scontri e feriti

António Guterres, segretario generale dell’Onu, ha condannato l’uso “della forza letale” in Myanmar. “L’uso della forza letale, dell’intimidazione e delle violenze contro i manifestanti pacifici è inaccettabile. Ognuno ha il diritto di protestare pacificamente. Faccio appello a tutti i partiti a rispettare i risultati delle elezioni e di tornare alle norme civili”, ha scritto in un tweet a seguito dell’uccisione di due manifestanti, di cui uno minorenne, da parte di alcuni agenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui