Napoli, 13enne aggredito con tirapugni fuori scuola: fermati i sette bulli

0

Aggressione a Napoli, dove un 13enne è stato aggredito fuori scuola. I sette coetanei, fermati dalla polizia, avrebbero usato anche un tirapugni.

Napoli 13enne aggredito
L’aggressione all’esterno di una scuola napoletana (Twitter)

Ennesima aggressione all’uscita di scuola, stavolta l’episodio avviene a Napoli. Infatti qui ben sette bulli hanno preso di mira un 13enne, pestandolo utilizzando addirittura un tirapugni. Il 13enne aggredito a Napoli, successivamente, è stato ricoverato all’Ospedale Santobono ed al momento è in osservazione. Il tutto è successo all’esterno della scuola Ferdinando Russo, situata nel quartiere di Pianura.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Dramma a Savona, neonato muore dopo la nascita: disposta autopsia 

Inoltre non sarebbe la prima nei confronti del 13enne in questione. Infatti i sette coetanei avrebbero preso di mira il ragazzino già dopo una partita di calcetto. In quell’occasione i bulli addirittura minacciarono il ragazzo con un coltello. La vittima, dopo il ricovero al Santobono, ha deciso di denunciare il tutto alla polizia. Le forze dell’ordine, così, si sono subito mobilitate, andando a fermare i sette bulli. Andiamo quindi a vedere le accuse che pendono sui sette minori.

Napoli, 13enne aggredito fuori scuola: l’operazione della polizia

Napoli 13enne aggredito
L’operazione della polizia di Napoli nei confronti dei minori (Getty Images)

Ad evidenziare l’episodio ci ha pensato il consigliere di Municipalità, Pasquale Strazzullo. Infatti stando alle parole del consigliere il 13enne sarebbe stato preso di mira nuovamente fuori scuola, con i sette bulli che lo hanno pestato senza pietà, con calci e bulli. La cosa che più scandalizza però è l’uso di armi, con i ragazzini che si sono muniti di tirapugni e coltelli, utilizzati per minacciare il 13enne ed un suo amico.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Varianti Covid-19, Bassetti a iNews24: “Se Galli ha ospedale pieno, chieda la zona rossa in Lombardia”

Così è subito partita l’indagine della Procura dei Minori partenopea, condotta dalla Stazione dei Carabinieri di Pianura. Le forze dell’ordine hanno rintracciato subito i sette baby aggressori. Così i militari, in piena intesa con la Procura di Napoli, hanno effettuato elezione di domicilio per i reati di lesioni personali aggravate in concorso e porto abusivo di armi bianche.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui