WhatsApp, frasi e foto più esilaranti da inviare a Carnevale

0

Ecco una raccolta di frasi, filastrocche e foto più esilaranti e carine da inviare su Whatsapp in occasione del martedì grasso, il cosiddetto Carnevale

WhatsApp messaggio

Se volete essere originali e divertenti per questa giornata di Carnevale, la nostra redazione ha raccolto una serie di frasi, filastrocche ed immagini da inviare ad amici e parenti su Whatsapp e non solo che potrebbero fare al vostro caso.

  • “A carnevale tutto il mondo è giovane, anche i vecchi. A carnevale tutto il mondo è bello, anche i brutti”.
  • “Ho chiesto consiglio alla negoziante per una maschera e lei mi ha detto che forse sarei stata meglio senza: è capitato anche a te? Tanti auguri di Carnevale, non te la prendere: ogni scherzo vale”.
  • “Ho conosciuto persone senza maschera ma col carnevale dentro. Sono stato fortunato, perché una sei proprio tu: buon Carnevale”.
  • “Se esci e incontri il principe azzurro, ricordati che è Carnevale…”.
  • “Perché la vita è come un Carnevale, non sai mai quale scherzo ti riserverà”.

LEGGI ANCHE—> Facebook, su forum di hacker presenti i dati di 533 milioni di utenti

Whatsapp, immagini e filastrocche per grandi e piccini

Carnevale
Carnevale

Arlecchino, poverino
non aveva vestitino.

Ogni bimbo gli ha portato
un pezzetto colorato
e la mamma gli ha cucito
un bellissimo vestito.

È di tanti bei colori
come tanti sono i cuori
che han donato la letizia
con un gesto d’amicizia.

LEGGI ANCHE—> Cashback verso l’interruzione? Arriva un annuncio importante

È arrivato il Carnevale,
scoppia come un temporale!
Canti, balli e improvvisate
fra una pioggia di risate!
Con le maschere in tempesta
tutto il mondo fa gran festa!
Scoppia come un temporale,
è arrivato il Carnevale!

A Carnevale i ragazzi si travestono
chiassosamente da pagliacci.
Lungo la strada i coriandoli
rotolavano sotto la sferza pungente
del forte vento del pomeriggio.
Un gruppo di donne sulla piazza
girava allegramente
intorno ad un asino.
I ragazzini, vedendolo imprigionato,
ragliavano per farlo ragliare.
Tutta la piazza non era che
un concerto di ragli,
di risate, di canzoni,
di tamburelli e di mortai.

Girotondo, girotondo,
noi giriamo tutto il mondo.
C’è Gianduja e Meneghino,
Pulcinella e Arlecchino.
C’è Brighella e Pantalone,
Meo Patacca e Balanzone,
Beppe Nappa siciliano,
Stenterello che è toscano…
Girotondo, girotondo,
noi viaggiam per tutto il mondo,
e con noi portiam la gioia
che è nemica della noia
.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui