Donald Trump impeachment, è arrivato il verdetto del Senato

0

Donald Trump impeachment, è arrivato il verdetto del Senato che segna il destino dell’ex Presidente degli Stati Uniti

Usa Trump
Donald Trump impeachmet, è arrivato il verdetto (Getty Images)

Per due volte sotto processo la con la richiesta di impeachment, evento mai capitano a nessun altri Presidente degli Stati Uniti. Ma per due volte Donald Trump ne è uscito in qualche modo pulito, ché poco fa è arrivato l’attesissimo verdetto da parte del Senato chiamato ad approvare o meno la richiesta.

Trump era stato messo sotto accusa dalla Camera per essere considerato l‘istigatore dell’assalto al Congresso avvenuto lo scorso 6 gennaio. Per l’approvazione dell’esclusione di fatto dalla vita politica americana sarebbero stati necessari almeno 67 sì, ovvero due terzi dei 100 votanti. Invece solo 7 repubblicano si sono schierati contro il loro ex leader e così i voti a favore sono stati 57 contro i 43 no.

Una sentenza in qualche modo annunciato, specie dopo che Mitch McConnell, leader di fatto dei repubblicani al Senato aveva fatto conoscere le sue intenzioni. Con una mail ai colleghi di partito, annunciava la sua volontà di votare a favore dell’assoluzione per l’ex Presidente. I sette senatori repubblicani ch einvece  hanno votato contro Trump sono Mitt Romney, Ben Sasse, Richard Burr, Bill Cassidy, Susan Collins, Lisa Murkowski,  e Pat Toomey.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Usa, Impeachment Trump: oggi si decide in Senato

Trump assolto in Senato, le prime paroel, dell’ex Presidente degli Stati Uniti

Una vittoria relativa, quella di Trump, perché lo stesso McConnell ha confermato la sua condanna morale per quanto successo ad inizio gennaio. Secondo lui infatti l’ex Presidente “praticamente e moralmente responsabile per l’attacco a Capitol Hill”.

Usa Trump
Donald Trump (Getty Images)

La conseguenza principale di questo voto sta nel fatto che ora The Donald, salvo che nel frattempo alcuni processi che lo coinvolgano finiscano con una condanna è libero. In sostanza libero di ricandidarsi nel 2024 sempre che i repubblicani lo sostengano oppure che trovo una fetta di popolazione disposta a portarlo avanti.

Questo il suo commento non appena ha appreso la notizia: “Il nostro storico, patriottico, bellissimo movimento per rendere l’America di nuovo grande è solo all’inizio. Nei prossimi mesiavrò molto da condividere con voi e sono ansioso di proseguire insieme questo nostro incredibile viaggio per la grandezza dell’America e per tutta la nostra gente. Non c’è mai stato nulla di simile”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui