Covid, ordinanza anti Carnevale: De Luca vieta feste e cortei in Campania

In Campania, saranno vietate feste e cortei per il Carnevale. È questa l’ordinanza anti Covid firmata da De Luca

covid carnevale
Covid, il governatore De Luca ha firmato poco fa un’ordinanza anti Carnevale (Foto: Getty)

Come ogni festività negli ultimi 12 mesi, anche il Carnevale subirà importanti modifiche rispetto al solito. Niente feste e cortei come da tradizione, ovviamente a causa dell’emergenza Covid e alle misure precauzionali necessarie. Poco fa, per ciò che riguarda la Campania, il governatore Vincenzo De Luca ha firmato un’ordinanza in questo senso.

Saranno vietate feste e ogni altra forma di aggregazione in luoghi pubblici e privati, all’aperto e al chiuso. Vietati anche cortei di qualsiasi forma connessi al Carnevale” è quanto si legge nell’ordinanza firmata questa mattina da De Luca: “Sindaci invitati ad inibire l’accesso alle piazze e a tutti quei luoghi che tradizionalmente sono destinati ad iniziative connesse a questa festa“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, il Cts lancia l’allarme: “Possibile chiusura delle scuole per le varianti”

Covid, no al Carnevale in Campania: l’ordinanza firmata da De Luca

De Luca
Saranno vietate tutte le forme di assembramento in luoghi pubblici e privati (Foto: Facebook)

Questa mattina, il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha firmato una nuova ordinanza anti Carnevale. Con decorrenza immediata e fino al 16 febbraio compreso, vieterà ogni forma di aggregazione sia in luoghi pubblici che privati. I numeri relativi al Covid sono ancora troppo alti per pensare di lasciare a piede libero i cittadini. “È fondamentale che la popolazione eviti qualsiasi occasione di contatto con altre persone al di fuori del proprio nucleo abitativo” ricorda il documento: “Rimane l’obbligo di adottare comportamenti individuali rigorosi e che vengano rispettate tutte le misure igienico-sanitarie“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Usa, Impeachment Trump: oggi si decide in Senato

Sempre all’interno dell’ordinanza, inoltre, viene chiesto ai Sindaci di adottare tutte le misure di predisposizione dei controlli necessarie, per evitare assembramenti e nel caso procedere con le dovute sanzioni.