Venezia, negazionisti al supermercato senza maschere: “Virus non esiste”

0

Venezia, negazionisti al supermercato senza maschere: “Virus non esiste”. A coppia di quarantenni è stata bloccata e multata di 400 euro

Supermercato Venezia
Venezia, coppia di negazionisti al supermercato: “Il virus non esiste” (Foto: Getty)

Ci risiamo. I negazionisti hanno colpito ancora. Questa volta si tratta di una coppia di quarantenni della provincia di Venezia (frazione di Mira). I due si sono presentati al supermercato di Gambarare per fare la spesa senza i dispositivi di protezione individuale. I gestori del negozio gli hanno intimato di indossare le mascherine o di uscire immediatamente. Niente da fare. All’ennesimo richiamo andato a vuoto sono intervenuti i carabinieri della zona che hanno bloccato l’uomo e la donna. Dopo averli portati nel parcheggio dell’area commerciale, si sono sentiti ripetere uno dei classici refrain negazionisti.

La pandemia non esiste, il virus è tutta un’invenzione. L’obbligo di indossare le maschere è anticostituzionale. E’ tutta una montatura inscenata dal Governo”.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino Covid, in Liguria via agli over 80: il primo è stato Renzo Piano

LEGGI ANCHE >>> Covid-19, Ordine dei Medici contro negazionisti: avviati provvedimenti disciplinari

Venezia, negazionisti al supermercato senza maschere: “Virus non esiste”

Supermercato senza mascherina
Venezia, negazionisti al supermercato senza maschere: “Virus non esiste” (Foto: Getty)

Come riportato dal Gazzettino, i due sono stati multati dalle forze dell’ordine per 400 euro ciascuno. Secondo quanto ricostruito la coppia si era recata già ad un altro supermercato della zona poco prima. Dopo aver inscenato la stessa pantomima, erano stati respinti all’ingresso dalla guardia giurata perchè privi di mascherine. 

La sanzione comminata dai carabinieri “potrà essere ridotta del 30% se pagata entro 5 giorni“, come fa sapere il comandante Massimo Andreozzi al Gazzettino.

Altresì se il suo pagamento dovesse slittare oltre i 60 giorni, l’importo viene raddoppiato con il rischio che il Prefetto emetta decreto di ingiunzione e la pratica venga iscritta al ruolo dell’Agenzia delle entrate“. Vedremo cosa intenderanno fare i due “rivoluzionari”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui