Abruzzo, due province in zona rossa: firmata l’ordinanza dalla Regione

0

Troppo alti i numeri relativi ai contagi: due province in Abruzzo passano in zona rossa. Firmata l’ordinanza dalla Regione

abruzzo zona rossa
Abruzzo, due province passano in zona rossa (Getty Images)

Poco fa, il presidente della Regione Abruzzo Marco Masilio ha firmato una nuova ordinanza: due province passano in zona rossa già a partire dalla prossima domenica. Nello specifico, saranno Pescara e Chieti a dover sottostare alle misure più stringenti, almeno fino a quando i numeri torneranno ad essere al di sotto della soglia minima.

La decisione è stata presa in seguito ad una riunione avvenuta con il Comitato tecnico scientifico locale, che si è tenuta ieri sera e ha preso in esame la situazione piuttosto delicata relativa all’aumento dei positivi da Covid nelle due province in questione. Questo anche a casa dell’alta incidenza che sta avendo la variante inglese del virus, che pare essere di un caso su due.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid, l’allarme dell’Ue: “Preoccupano copie sul mercato nero”

Abruzzo, Pescara e Chieti passano in zona rossa

Covid Usa
Troppo alti i numeri registrati nelle ultime settimane (Getty Images)

Ora è ufficiale: Pescara e Chieti passano in zona rossa. Poco fa, il presidente della Regione Abruzzo Marco Masilio ha firmato l’ordinanza, e le nuove misure entreranno in vigore già a partire dalla prossima domenica. Nel corso delle prossime ore si terrà la riunione della Cabina di regia nazionale che, salvo ulteriori sorprese, decreterà il passaggio di tutta la Regione dalla zona gialla a quella arancione.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Vaccino Covid, in Liguria via agli over 80: il primo è stato Renzo Piano

Se così fosse, salterebbe l’apertura della stagione invernale, prefissata inizialmente per il prossimo lunedì. Secondo quanto riferisce Il Messaggero, sarebbero i numeri delle province di Teramo e L’Aquila a spingere verso il passaggio di fascia. Stando al report nazionale, inoltre, l’Abruzzo è ad oggi una delle cinque regioni: “Ad alto rischio di progressione da moderato ad alto”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui