Messaggi anonimi, come inviarli con il proprio smartphone

0

Migliaia di utenti si chiedono spesso come poter mandare messaggi anonimi ad altre persone attraverso il proprio smartphone: la possibilità c’è. Scopriamo come fare

Whatsapp messaggi Natale

Sono in molti gli utenti che spesso cercano su internet il modo di inviare messaggi anonimi con il proprio smartphone per i motivi più svariati. C’è chi vuole fare uno scherzo ad un amico, chi vuol mandare lettere d’amore, ma anche chi ne fa un uso illegale (questo, come ovvio che sia, ve lo sconsigliamo caldamente).

Ad ogni modo, non tutti sanno che c’è la possibilità di inviare sms senza l’aiuto di una rete dati o wireless e che basta la semplice applicazione ‘messaggi’. Se si vuol tenere nascosto il proprio numero telefonico, servono una serie di codici da inserire prima del testo del messaggio.

LEGGI ANCHE—> WhatsApp, continuano i problemi: tutti gli utenti in pericolo

Le procedure per inviare messaggi anonimi con i principali gestori

Cellulari

Le procedure da utilizzare per inviare messaggi anonimi sono differenti e variano in base a quello che è il gestore. Noi vi spiegheremo come farlo per Tim, Wind, 3 Italia e Vodafone.

LEGGI ANCHE—> Bonus gas, a chi spetta e come ottenerlo

  • Wind: basta inserire il codice *k_k#s_testo prima dell’invio del messaggio Se volete che il mittente non possa rispondere, dovrete utilizzare *k_s_testo . Il costo è di 0,15 euro.
  • Tim: va inserito ANON_NUMERODELDESTINATARIO_ prima del testo del messaggio al numero 44933 ed è fatta.
  • 3 Italia: si invia al numero 48383 il seguente NUMERODELDESTINATARIO_ seguito dal testo della comunicazione.
  • Vodafone: bisogna scrivere S_NUMERODELDESTINATARIO_ al numero 4895894 prima di poter inviare il messaggio.

Ricordate che il simbolo “_” (trattino basso) viene usato per indicare lo spazio vuoto.

Esistono anche tante applicazioni sul web e sui vari app store per poter inviare messaggi anonimi, ma quello consigliatovi è il più semplice e diretto. Non implica infatti il download o l’utilizzo di applicazioni che, in questi casi, possono rivelarsi anche infette da malware.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui