Vaccini over 80 in provincia di Napoli. Il direttore Asl: “No all’obbligo ma senso del dovere”


Inizia la campagna vaccinale per gli over 80 residenti nel territorio dell’Asl Napoli 2 Nord, una vasta e popolosa area della provincia partenopea che va dai Campi Flegrei (isola d’Ischia compresa) all’hinterland fra Giugliano, Frattamaggiore e Acerra. L’azienda sanitaria ha richiesto collaborazione ai Comuni di tutto il territorio per aprire chiese, monumenti, palestre e distretti sanitari alle persone che intendono vaccinarsi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid, richiesta delle province a Draghi: “Serve un esercito civile”

A Bacoli, il sindaco Josi Della Ragione ha messo a disposizione la Casina Vanvitelliana e l’adiacente Palazzo dell’Ostrichina, dove questa mattina sono giunti i primi anziani over 80 per l’immunizzazione col vaccino Pfizer. Complessivamente si prevede di vaccinare 800 persone al giorno dei 44mila aventi diritto. Quando si entrerà a regime, spiegano dall’Asl, si prevede di arrivare a 2500 vaccinazioni giornaliere. L’obiettivo è quello di completare questa fase entro metà marzo, compatibilmente con la consegna dei vaccini.

Vaccino Covid, le parole del dg Asl D’Amore: “Entro lunedì 15 febbraio inizieremo col personale scolastico under 55”

“Noi ci auguriamo che i vaccini arrivino al più presto – conferma ai microfoni di Inews24.it il direttore generale dell’Asl Napoli 2 Nord, Antonio D’Amore – nella prima fase siamo stati i primi in Italia. La macchina che abbiamo messo in moto risponde bene, ma chiaramente deve essere rodata.” Oltre alla fascia over 80, D’Amore spiega che “già da lunedì 15 febbraio ci auguriamo di poter cominciare a vaccinare il personale scolastico al di sotto dei 55 anni con il vaccino AstraZeneca.”

LEGGI ANCHE >>> Vaccino Usa, Biden esulta: obiettivo raggiunto con un mese di anticipo

Per quanto concerne la possibilità di obbligo vaccinale, compresa quella relativa alla parte di personale sanitario che si è dichiarata scettica nei confronti del vaccino, il direttore generale non apre a questa possibilità: “Il livello di cultura in Italia dovrebbe essere tale da non determinare un obbligo. Dovremmo più che altro parlare di dovere: nei confronti di se stessi e nei confronti degli altri.”