Vaccino, Sudafrica sospende AstraZeneca: Ungheria autorizza Sputnik V

0

Novità nel mondo riguardanti il vaccino. Infatti il Sudafrica sospende il siero AstraZeneca, mentre l’Ungheria autorizza il siero russo Spuntik V.

Vaccino SudAfrica
Il SudAfrica sospende il siero di AstraZeneca (Getty Images)

Non si arresta l’evoluizione del vaccino nel mondo, con alcune novità riguardante l’efficacia di alcuni sieri. Infatti in SudAfrica arriva la prima sospensione per quanto riguarda un immunizzante. Le autorità sudafricane hanno deciso di sospendere il siero per la poca efficacia contro la variante spuntata nel paese. Tutti i ricercatori del mondo sono preoccupati soprattutto per tale variante, visto che appare più resistente ai vaccini rispetto a quella britannica.

A comunicare la decisione ci ha pensato il Ministro della Salute, Zweli Mkhize, alla luce dei risultati analizzati dalle autorità. Adesso ulteriori novità potrebbero arrivare dall’epidemiologa e capo dell’unità di crisi del paese, Maria Van Kerkhove. La protezione limitata del vaccino di AstraZeneca è stata testata anche dalla stessa casa farmaceutica anglo-svedese. Andiamo quindi a vedere gli aggiornamenti dell’esponente del Cts, Giuseppe Ippolito sul siero.

Il Sudafrica sospende il vaccino AstraZeneca, Ippolito: “Tutti i vaccini sono efficaci e sicuri”

Vaccino Sudafrica
Covid, le parole di Ippolito sul vaccino (Foto: Facebook)

Ad oggi il più esposto sull’efficacia dei vaccini è l’esponente del Comitato tecnico scientifico Cts, Giuseppe Ippolito, che ha ricordato che comunque tutti i vaccini approvati offrono più benefici che effetti collaterali. Per questo Ippolito sostiene che ad oggi vanno approvati tutti i sieri, anche quelli con efficacia al 60-70%, per velocizzare il processo di immunità di gregge. Per Ippolito non c’è tempo per aspettare il vaccino ideale e tutti i sieri approvati in Italia e nel mondo, ad oggi sono efficaci e sicuro.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, Speranza: “Zona gialla non è scampato pericolo, serve prudenza”

Intanto avviene la svolta in Europa, con l’Ungheria che diventa il primo paese ad approvare il vaccino Made in Russia, Sputnik V. Infatti già nella giornata odierna il paese potrà inoculare ben 40mila dosi di vaccino. Le autorità del paese, dopo aver svolto i trials hanno deciso di iniziare a somministrare il siero. L’Ungheria ha deciso di acquistare oltre due milioni di dosi dalla Russia. Inoltre il paese ha acquistato anche 5 milioni di dosi del vaccino cinese Sinopharm.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui